sabato 18 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba cerca alternative per far fronte al deficit energetico

L'Avana, 15 mag (Prensa Latina) Cuba attua oggi per affrontare il deficit nella produzione di elettricità, causato dalla mancanza di combustibile e di manutenzione delle sue centrali termiche, ha affermato il presidente Miguel Díaz-Canel in un dialogo con il giornalista Ignacio Ramonet.

Secondo il presidente, l’instabilità nella produzione di energia elettrica è motivata dall’esistenza di un sistema che ha una componente termoelettrica, che si alimenta con l’utilizzo del petrolio greggio nazionale, ricco di zolfo, e richiede una manutenzione sistematica.
Ha affermato che Cuba ha bisogno di più di 300 milioni di dollari all’anno per mantenere questo sistema nazionale di energia elettrica, e tale disponibilità non esiste. Ciò porta a rotture e problemi tecnologici che si verificano più frequentemente di quanto dovrebbe essere normale in un sistema come questo, ha detto.
Un altro gruppo di fonti di produzione energetica, ha spiegato, sono i motori a generazione distribuita, utilizzati soprattutto nelle ore di punta, che richiedono gasolio e olio combustibile, carburante che non sempre è disponibile nel paese.
In questo contesto, Cuba cerca di promuovere il risparmio e lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, sia eoliche che fotovoltaiche e biogas, ha sottolineato.
Ha riferito che l’isola ha firmato diversi accordi con altri paesi che le permetteranno di produrre più di duemila megawatt in meno di due anni, con l’obiettivo di avere più del 20% di energia rinnovabile entro il 2030.

Ig/evm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE