venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba reclama all’ONU impegno con la fine dell’occupazione della Palestina

Nazioni Unite, 17 gen (Prensa Latina) Cuba reclamò oggi al Consiglio di Sicurezza dell'ONU l'adozione delle decisioni necessarie affinché cessino l'occupazione ed altri crimini di Israele contro i palestinesi. 

 
“Come comunità internazionale abbiamo un debito col popolo palestinese. È ora di rompere il silenzio e l’immobilismo che l’hanno portato a soffrire vessazioni indegne, è ora di finire con l’impunità sulle azioni criminali di Israele contro Palestina”, affermò l’ambasciatore Humberto Rivero in una sessione del Consiglio. 
 
In un forum diretto ad abbordare la situazione nel Medio Oriente, il diplomatico cubano denunciò l’impatto di mezzo secolo di occupazione ed ha fatto un appello per un impegno vero con la soluzione dei due Stati che garantisca ai palestinesi uno Stato indipendente, con Gerusalemme Orientale come capitale e le frontiere anteriori al 1967. 
 
D’accordo con Rivero, deve terminare la sofferenza di esseri umani come i più di cinque milioni di rifugiati palestinesi e la demolizione di strutture in Cisgiordania, uno degli elementi della politica di colonizzazione che applica Israele. 
 
Nel suo intervento, il funzionario riconobbe l’adozione nel Consiglio, il 23 dicembre, della risoluzione 2334, che esige alla potenza occupante di fermare la costruzione di insediamenti e promuove la soluzione dei due Stati. 
 
Tuttavia, la considerò insufficiente, perché questo anno si realizza mezzo secolo di occupazione, “che significano 50 anni di sistematici oltraggi, aggressioni, assassini e violazioni dei diritti umani”. 
 
Rivero difese nell’organo di 15 membri l’entrata della Palestina come membro pieno alle Nazioni Unite (attualmente è uno Stato osservatore). 
 
“Reiteriamo il nostro appello al Consiglio di Sicurezza affinché si pronunci in questa direzione. Questo sarebbe, senza dubbio, un altro passo nella direzione corretta. A non farlo, l’Assemblea Generale dovrebbe agire con ogni determinazione per decidere il caso”, ha concluso. 
 
Ig/wmr 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE