mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Comandanti guerriglieri affermano che FARC-EP avanza nel processo di pace

Bogotà, 7 feb (Prensa Latina) I comandanti Ivan Marquez e Pablo Catatumbo dichiararono in interviste televisive che le FARC-EP continuano immerse oggi nell'avanzamento del processo di pace colombiano, a dispetto dei ritardi nella costruzione degli accampamenti temporanei. 

 
Marquez e Catatumbo, integranti del Segretariato delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia-Esercito del Popolo (FARC-EP), riconobbero che ci sono ritardi nelle opere in quelle zone rurale semi-abitate dove si farà la deposizione delle armi, ma continuano a lavorare col Governo per creare le condizioni nei chiamati accampamenti rurali. 
 
In reportage trasmessi dal telegiornale digitale Pazifico Noticias, i due capi guerriglieri coincisero in che “da questo processo di pace della Colombia deve uscire un nuovo paese”. 
 
Marquez, in questione criticò il governo di Juan Manuel Santos per il ritardo nell’applicazione dell’amnistia in favore dei membri delle FARC-EP carcerati, come è stabilito negli accordi de L’Avana. 
 
“Non vediamo scarcerazioni da nessuna parte e questo non ha precedenti nella storia dei processi di pace, successi in distinti paesi del mondo”, commentò il dirigente insorto, che presidiò per questo gruppo ribelle i dialoghi nella capitale cubana durante quasi quattro anni. 
 
Da parte sua, Catatumbo manifestò da uno degli accampamenti rurali sotto il suo comando che “questa è la gran opportunità che ha Colombia per fermare definitivamente l’agire dei gruppi armati di estrema destra che agiscono ancora nel territorio nazionale ed eliminano attivisti sociali e difensori dei diritti umani”. 
 
Catatumbo ha fatto un appello al Congresso della Repubblica affinchè velocizzi i dibattiti affinché siano approvati i decreti in sospeso e permetta di proseguire col processo di pace già in marcia. 
 
Ig/fa 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE