mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

In Ecuador le brecce si restringono e tutti crescono, afferma presidente

Quito, 10 feb (Prensa Latina) Il presidente dell'Ecuador, Rafael Correa, assicurò oggi che questo è un paese completamente invertito, nel quale tutti crescono e diminuiscono le brecce tra ricchi e poveri. 

 
In una conferenza con i mezzi di comunicazione del Canton Duran, nella provincia di Guayas, il mandatario segnalò che la nazione è uno Stato in via di sviluppo, ma tutti gli sviluppi ottenuti, “neanche un cieco potrebbe negarli”. 
 
Per esemplificare i risultati dei 10 anni di Rivoluzione Cittadina, Correa precisò che a differenza del periodo 1996-2006, quando l’economia accumulò una crescita dell’85%, nell’ultima decade l’incremento fu del 105%. 
 
Chiarì che nel periodo 1996-2006 il 10% più ricco crebbe del 112%, mentre i più poveri solo un 20%. 
 
“Ora tutti hanno aumentato, si sono triplicate le utilità imprenditoriali. Il 10% più povero aumentò le sue entrate del 112% e nei più ricchi crebbero un 40%. Le brecce si sono ridotte”, ha insistito. 
 
Sullo sviluppo nazionale, ha sottolineato che due milioni di persone riuscirono ad uscire dalla povertà durante il suo mandato ed in questo senso specificò: “prima eravamo dei tre paesi meno equi dell’America Latina ed ora siamo uno dei meno iniqui della regione”. 
 
Nonostante, affermò che il fatto principale, il maggiore sviluppo, è il cambiamento di atteggiamento del popolo ecuadoriano: immobilizzo, demoralizzato, con una società e famiglie collassate quando cominciò la sua presidenza ed ora completamente trasformato. 
 
Ig/scm 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE