venerdì 19 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela protesta per l’attacco subito nell’intervento del commissario sui DD.HH.

Ginevra, 9 mar (Prensa Latina) L'ambasciatore del Venezuela presso l'ONU a Ginevra, Jorge Valero, difese oggi la posizione del suo paese di rispetto dei diritti umani e si dispiacque delle forti critiche sul tema presentate nell'intervento dell'Alto Commissario. 

 
Partecipando ad un dialogo interattivo, il rappresentante della nazione sud-americana si dispiacque che l’Alto Delegato per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, “si faccia eco della campagna mediatica internazionale contro Venezuela, ordita da interessi imperialisti”. 
 
Nel suo discorso, Valero affermò che nel suo paese “si rispettano i diritti umani e le libertà fondamentali. Tutti possono esprimere con libertà le loro opinioni. Manifestare pacificamente, e senza armi, è un diritto costituzionale”. 
 
Il diplomatico smentì le presunte restrizioni e chiarì che le libertà “si rispettano scrupolosamente, perché sono intrinseche della nostro democrazia partecipativa”. 
 
In questo senso, ricordò la dichiarazione del presidente Nicolas Mauro che “il dialogo è la pace”. 
 
Davanti al pronunciamento di Al Hussein a beneficio della liberazione di supposti carcerati politici, Valero assicurò che nel suo paese non esiste questo tipo di prigioniero, fatto che è stato già dimostrato con prove davanti allo stesso ufficio dell’Alto Commissario. 
 
Al rispetto, segnalò che a causa del tentativo di golpe di Stato contro il Governo Bolivariano, e della violenza criminale e terrorista successi nel 2014, alcune persone sono state processate. 
 
“Sono imputati di 43 assassinati e della distruzione di beni pubblici e privati per più di 10 mila milioni di dollari statunitensi. A tutti è garantito il diritto alla difesa ed il dovuto processo”, ha concluso. 
 
Ig/lmg 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE