venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela: crociata oppositrice di Luis Almagro

Caracas, 27 mar (Prensa Latina) Il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro, decise di intraprendere una crociata personale contro Venezuela, col chiaro proposito di isolare la nazione sud-americana ed appianare la strada ad un intervento straniero. 

 
Alleandosi sia coi gruppi reazionari di destra all’interno del Venezuela ed a Miami, la storica tana delle controrivoluzioni, Almagro cerca di montare uno scenario di “violazioni sistematiche dei diritti umani”, “rottura dell’ordine democratico” ed “esige elezioni generali immediate”. 
 
Il suo piano e suoi dossier, altamente prevedibili, sono diretti a satanizzare il governo bolivariano che presiede Nicolas Maduro, scelto democraticamente nel 2013, dopo vincere una destra divisa ed assetata di potere, che non può dimostrare in pratica, le supposte denunce che fa il suo portavoce nella presidenza dell’OSA. 
 
In un tentativo sorpassato di abbattere la Rivoluzione Bolivariana, Almagro, con un copione perfettamente redatto da Washington, insiste nell’applicare gli articoli 20 e 21 della chiamata Carta Democratica Interamericana, e sospendere Venezuela dall’esercizio del diritto a partecipare all’OSA e come risultato, lasciarla isolata nel continente. 
 
La reazione del governo di Caracas non si è fatta aspettare, e con lei, il rifiuto di centinaia di movimenti popolari, gruppi di solidarietà e nazioni amiche che condannarono immediatamente il piano interventista forgiato dal segretario generale dell’OSA per destabilizzare la tranquillità e la governabilità, non solo del Venezuela, bensì di tutta la regione. 
 
Il presidente Maduro, in una risposta energica agli attacchi orchestrati da Almagro, riaffermò immediatamente che “la Rivoluzione Bolivariana continuerà a lottare per la giustizia, l’uguaglianza ed il socialismo, con o senza l’OSA”. 
 
Ma Venezuela non è l’unica nazione dell’America Latina che ora è nel centro di questi attacchi mediatici e diffamatori orchestrati dalla destra internazionale. Fu esattamente nell’OSA, 55 anni fa, che Cuba dovette affrontare i tentativi di strangolamento forgiati dagli Stati Uniti che utilizzò l’OSA come il suo lupo, per cercare di accantonare la Rivoluzione cubana, appena instaurata nel 1959. 
 
Ig/mfm 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE