domenica 14 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Evo: l’OSA dovrebbe essere un modello nel rispettare l’istituzionalità

La Paz, 4 apr (Prensa Latina) Il presidente boliviano, Evo Morales, considerò oggi che l'Organizzazione degli Stati Americani (OEA) dovrebbe essere un modello nel rispettare l'istituzionalità. 

 
Pubblicate nel suo account in Twitter, le dichiarazioni del mandatario hanno luogo dopo che paesi membri dell’OSA riprendessero la sessione straordinaria sulla situazione in Venezuela, posticipata temporaneamente dalla Bolivia, presidente del consiglio di questo blocco regionale. 
 
“Come organismo partorito dagli Stati Uniti, questa struttura segue la metodologia del paese più golpista del continente”, scrisse Morales da L’Avana, dove è in convalescenza da un intervento chirurgico. 
 
L’ambasciatore boliviano presso l’OSA, Diego Pary, disse questo martedì che la sessione straordinaria del Consiglio Permanente di quell’organismo, installata in maniera illegale ieri, calpestò ogni regolamento. 
 
Quella riunione era stata sospesa, perché Bolivia -che assunse recentemente la presidenza di quel Consiglio – non contava sull’informazione necessaria della Segreteria Generale dell’OSA, spiegò Pary. 
 
Secondo il diplomatico, la convocazione realizzata alle sue spalle ignora tutta la normativa dell’organizzazione e con lei si calpestarono articoli del regolamento. 
 
Secondo Pary, questo tipo di azioni propiziano la distruzione dell’istituzionalità dell’OSA per interessi esterni ai paesi membri di quell’organismo regionale. 
 
Inoltre, ricordò che -secondo il regolamento – le sessioni straordinarie devono solo essere convocate e sospese dal presidente e vicepresidente del Consiglio Permanente (Bolivia e Haiti, rispettivamente). 
 
Pary chiarì che in nessun momento si rifiutò di realizzare una convocazione per dibattere la situazione del Venezuela, ma posticipò la sessione programmata per mancanza di informazione necessaria. 
 
Davanti all’oltraggio, il diplomatico annunciò la determinazione di denunciare nei forum internazionali il golpe istituzionale alla presidenza della Bolivia nel Consiglio Permanente dell’organismo emisferico. 
 
 
Ig/clp

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE