venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela denuncia ingerenza del segretario generale dell’OSA

Caracas, 26 apr (Prensa Latina) Venezuela denunciò oggi le azioni interventiste del segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro, contro i principi di difesa alla sovranità dei paesi membri di quell'organizzazione regionale. 

 
In un comunicato pubblicato oggi dal Ministero delle Relazioni Estere di questa nazione sud-americana, il governo bolivariano ha respinto le pretese di Almagro e di una fazione di governi della regione, di invocare nuovamente il Meccanismo di Consultazione dei Ministri di Relazioni Estere dell’OSA. 
 
Questa manovra, considerata illegale dalle autorità del Venezuela, non fruttificherà senza l’espressa autorizzazione dello Stato venezuelano. 
 
Il documento ratifica che l’OSA “non è qualificata per rispondere su temi relazionati col Venezuela perché è strumentalizzata per spropositi arbitrari, di parte, sproporzionati, dolosi e spinti dal segretario Luis Almagro”. 
 
Il comunicato considera anche che “l’OSA si è eretta ad imitazione di un Tribunale dell’Inquisizione, il cui unico proposito ed agenda nel continente consistono nel processare e condannare senza essere tribunale, senza esserci un delitto od un giudizio previo contro Venezuela”. 
 
Cerca -aggrega – “di criminalizzare il suo Governo, isolare il nostro paese, destabilizzare la nostra democrazia costituzionale e facilitare i piani di intervento straniero contro la nostra Patria”. 
 
A sua volta, riafferma la decisione del Venezuela di non rispondere a nessuna iniziativa nella cornice dell’OSA, “che ha dimostrato ampiamente e pubblicamente il suo tenore interventista nei temi interni del nostro paese e pretende la custodia della vita politica, economica e sociale della nostra nazione”. 
 
Il comunicato della cancelleria venezuelana “fa anche un appello alla comunità internazionale ed alle corporazioni della comunicazione affinché cessi la brutale menzogna sulla realtà del nostro paese, mentre condanna le manifestazioni che incitano i fattori golpisti ed estremisti che promuovono la violenza e l’intervento in Venezuela”. 
 
“Siamo un Popolo di Pace che costruisce un futuro con le bandiere dell’indipendenza e la libertà che ereditiamo dai nostri Liberatori e Liberatrici” conclude il documento emesso questo mercoledì. 
 
Ig/mfm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE