martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Manifestazioni e tumulti segnano il 1º maggio a Parigi

Parigi, 1º mag (Prensa Latina) Migliaia di francesi si concentrarono oggi sulla parigina piazza della Repubblica per commemorare il Giorno Internazionale dei Lavoratori, un atto che è stato perturbato da tumulti ed incidenti violenti perpetrati da gruppi di incappucciati. 

 
Varie migliaia di manifestanti si concentrarono questo pomeriggio in forma pacifica per cominciare una manifestazione fino alla piazza della Nazione, ma poco prima dell’inizio del corteo apparvero gruppi di incappucciati che lanciarono bombe casalinghe contro i poliziotti e provocarono danni agli immobili della zona. 
 
Per cercare di controllarli, gli agenti lanciarono gas lacrimogeni e tutto terminò in un confronto violento con un saldo preliminare di quattro poliziotti feriti, uno di loro è grave. 
 
Inoltre, almeno quattro incappucciati furono arrestati dalle forze di sicurezza. 
 
D’altra parte, la manifestazione dei lavoratori continuò il suo cammino verso la piazza della Nazione, una sfilata convocata dai sindacati come la Confederazione Generale del Lavoro e Forza Operaia. 
 
Questo 1º maggio si svolge in mezzo ai due turni elettorali delle presidenziali, per cui le abituali rivendicazioni lavorative cedono il ruolo di protagonista alla questione dei suffragi. 
 
Il panorama brilla particolarmente complesso dato che una parte importante dei sindacati hanno mostrato lo scontento coi due candidati, il centrista-liberale Emmanuel Macron e l’estremista di destra Marine Le Pen. 
 
Per tale ragione, vari degli atti di questo lunedì hanno per slogan “Né Macron né Le Pen”, mentre altri si concentrano sugli appelli per fare un fronte comune per evitare l’arrivo al potere dell’estrema destra. 
 
Nella concentrazione della piazza della Repubblica era presente l’ex candidato di sinistra Jean-Luc Melenchon che salì su un podio visibilmente emozionato, in mezzo a forti ovazioni della moltitudine. 
 
D’accordo con gli analisti, le mobilitazioni del 1º maggio lasciano chiaro il messaggio di dissenso cittadino con le elezioni presidenziali, quello che potrebbe implicare un aumento dell’elettorato che opterà per astenersi o votare in bianco nei suffragi del 7 maggio. 
 
Ig/lmg  

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE