giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ratificano a Cuba continuità della lotta del popolo arabo saharawi

L'Avana, 26 mag (Prensa Latina) Il presidente della Repubblica Araba Saharawi Democratica (RASD), Brahim Ghali, ratificò oggi in questa capitale la disposizione del suo paese di proseguire la lotta per l'indipendenza nazionale. 

 
In un atto effettuato nella sede dell’Istituto Cubano di Amicizia coi Popoli (ICAP), Ghali sottolineò che la strada è complessa, ma niente potrà diminuire le forze per conquistare il diritto alla sovranità ed all’autodeterminazione. 
 
Il fondatore del Fronte Polisario ha fatto un appello al governo del Marocco affinché rispetti le risoluzioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per cedere nuovi passi verso l’indipendenza della RASD. 
 
Condannò il permanente saccheggio delle risorse del suo paese da parte del Marocco, nazione vicina che utilizza le sue forze militari per opprimere e violare i diritti umani del popolo saharawi. 
 
Fernando Gonzalez, presidente dell’ICAP ratificò il compromesso di Cuba di mantenere il suo appoggio alla causa araba saharawi. 
 
Questo popolo africano non è solo e la sua lotta è espressione delle sue legittime aspirazioni alla libertà ed indipendenza, disse Gonzalez. 
 
È indignante -si dispiacque Gonzalez – percepire come il Consiglio di Sicurezza contempla silenziosamente le atrocità che si commentino nei territori occupati. 
 
I cubani -assicurò il massimo responsabile dell’ICAP – sentiamo gran soddisfazione per potere contribuire nella formazione dei giovani saharawi con l’obiettivo che le loro conoscenze garantiscano un migliore futuro al loro paese. 
 
Più di quattro mila studenti si laurearono in istituzioni cubane in differenti specialità ed attualmente un numero significativo di questi si prepara in carriere differenti, puntualizzò. 
 
L’Eroe della Repubblica di Cuba ringraziò per l’appoggio della RSDA nella lotta per mettere fine al bloqueo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti da più di mezzo secolo. 
 
Ig/joe

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE