martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela denuncia all’Unicef impiego di bambini in proteste violente

Caracas, 26 mag (Prensa Latina) Venezuela denunciò davanti al Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (Unicef), l'impiego di bambini ed adolescenti nelle azioni di odio e violenza che eseguono gruppi oppositori dell'estrema destra da più di 50 giorni.  

 
L’informazione è del viceministro di Relazioni Estere per Temi Multilaterali Ruben Dario Molina, in un contatto telefonico con il programma “Diritti Umani in Rivoluzione”, trasmesso da Radio Miraflores, in questa capitale. 
 
Molina allertò che bambini ed adolescenti sono utilizzati e colpiti dalla violenza oppositrice e sono state consegnate prove testimoniali, fotografiche ed in video di questi giovani preparando bombe molotov e lanciando oggetti contundenti in proteste violente convocate dall’estrema destra, “con tutte le conseguenze che questo trae”. 
 
Il vice cancelliere commentò di avere consegnato una copia di questa denuncia alla capa di gabinetto del segretario generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU); all’Ufficio dell’Alto Delegato dell’ONU per i diritti umani; al segretario generale del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (PNUD); come ai 195 paesi accreditati presso l’ONU, “affinché sappiano quello che sta succedendo in Venezuela”. 
 
A sua volta, era molto dispiaciuto che, malgrado le azioni denunciate violino i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e le loro possibilità di sviluppo, “non c’è stata una condanna diretta di organismi internazionali”. 
 
Deplorò che gli organismi internazionali non si pronuncino su questi delitti di odio, “neanche dopo avere ricevuto la denuncia dell’attacco terrorista ad un ospedale materno-infantile, a Caracas, da parte di gruppi di opposizione estremista. 
 
Ig/mfm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE