domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Distruggere l’avvicinamento a Cuba costerebbe milioni all’economia degli USA

Washington, 1º giu (Prensa Latina) Distruggere le politiche intraprese verso Cuba da parte dell'amministrazione di Barack Obama (2009-2017) costerebbe all'economia statunitense 6600 milioni di dollari, indicò oggi una coalizione di gruppi imprenditoriali, economisti ed esperti. 

 
I partecipanti all’iniziativa pubblicarono questo giovedì un’analisi dell’impatto che potrebbe avere una decisione di questo tipo, sulla quale aggregarono che si colpirebbero 12295 impieghi statunitensi durante il mandato di quattro anni del presidente Donald Trump. 
 
Il gruppo, diretto dall’organizzazione Engage Cuba e che contò con la Società Americana degli Agenti di Viaggio e con il Consiglio Nazionale di Commercio Estero, tra gli altri partecipanti, realizzò questa dichiarazione davanti alle notizie che l’attuale Governo si prepara per distruggere quanto fatto da Obama. 
 
Le politiche dell’anteriore amministrazione di diminuire le restrizioni alle compagnie nordamericane interessate in fare commercio con Cuba contribuirono ad una crescita economica significativa e la creazione di impiego in tutto il paese, sostenne la coalizione. 
 
Allo stesso tempo, l’analisi indicò che benché negli ultimi anni si eliminassero barriere legislative per le aziende ed i cittadini statunitensi interessati in fare commercio con Cuba, continua vigente il bloqueo economico, commerciale e finanziario imposto da Washington contro l’isola da più di mezzo secolo. 
 
Attraverso un comunicato di Engage Cuba, il presidente di quell’organizzazione, James Williams, manifestò che fare retromarcia all’avvicinamento con l’isola contraddice le promesse della campagna elettorale di Trump di eliminare onerose regolazioni e la burocrazia nei commerci degli Stati Uniti. 
 
Ig/mar

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE