martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Criticano interventismo del Messico contro Venezuela nell’OSA

Messico, 23 giu (Prensa Latina) Il governo messicano assunse una politica interventista contro Venezuela nella recente Assemblea Generale dell'OSA che si è svolta a Cancun, criticò oggi lo specialista in studi latinoamericani e caraibici, Adalberto Santana. 

 
L’esperto ha detto che con questa politica l’amministrazione del presidente Enrique Peña Nieto ritornò la tradizionale politica estera messicana di non interventismo e rispetto alla sovranità di altre nazioni. 
 
Santana qualificò di “gran irresponsabilità” la posizione rappresentata dal cancelliere Luis Videgaray nella riunione panamericana, in questione nel caso del paese sud-americano. 
 
“Crea un grave precedente sulla storia diplomatica del Messico, che si converte così in una politica non solo interventista, bensì in alleato fondamentalmente delle politiche interventiste degli Stati Uniti e di altri governi della regione, che si sono uniti per violentare e volere destabilizzare insieme ancora di più la situazione” in Venezuela, argomentò. 
 
Il professore investigatore dell’Università Nazionale Autonoma del Messico ha considerato che una posizione molto degna che avrebbe potuto assumere il governo messicano in questo tema sarebbe stata quella di cercare realmente una mediazione, rispettando la sovranità del paese sud-americano. 
 
Santana espresse al quotidiano La Jornada che benché nei governi dei presidenti Vicente Fox e Felipe Calderon -ambedue del Partito Azione Nazionale – ci siano stati dei passaggi sfortunati, “con scortesie ed azioni che hanno mancato il rispetto”, in questa occasione si applicò una politica di aperto interventismo. 
 
Ig/ool   

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE