mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Meccanismo dell’ONU assicura che si usarono armi chimiche in Siria

Nazioni Unite, 6 lug (Prensa Latina) Il capo del Meccanismo di Investigazione Congiunta (JIM), Edmond Mulet, assicurò oggi alle Nazioni Unite che si utilizzarono armi chimiche nel conflitto siriano. 

 
Risulta indiscutibile questo fatto, come l’impiego di sostanze proibite che causò vittime mortali nel paese levantino, dichiarò dopo presentare al Consiglio di Sicurezza il sesto rapporto del meccanismo integrato dall’ONU e dall’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPAQ). 
 
D’accordo col diplomatico guatemalteco, il JIM investiga in questo momento due casi di uso di armi chimiche in Siria, quello di aprile di questo anno in Khan Sheikhoun ed il settembre del 2016 ad Idlib. 
 
Mulet segnalò che le indagini in corso risultano molto complesse, a partire dal conflitto esistente e della polarizzazione politica intorno allo stesso. 
 
In questo scenario, il nostro mandato, consegnatoci dal Consiglio, è realizzare investigazioni professionali, indipendenti ed imparziali, dirette ad identificare i responsabili del crimine che rappresenta utilizzare armi chimiche, disse. Il capo del JIM, designato nell’incarico il 27 aprile di questo anno, condannò in maniera categorica qualunque uso dei letali artefatti di sterminio di massa, proibiti da una convenzione che entrò in vigore nel 1997. 
 
Gli Stati Uniti hanno utilizzato negli ultimi anni il tema delle armi chimiche come un elemento per intervenire nel conflitto siriano, che esplose nel 2011, davanti al tentativo di occidente e dei suoi alleati di imporre un cambiamento di regime nella nazione levantina. 
 
Da parte sua, Siria ed il suo principale alleato nella lotta contro il terrorismo, Russia, accusano l’opposizione di usare questi artefatti, con l’obiettivo di giustificare l’intervento dell’occidente ed in questione di Washington. 
 
Mulet ammise che ha ricevuto pressioni di “tutti i tipi e da tutte le parti” affinché il risultato del JIM sia quello desiderato dagli attori vincolati al conflitto, benché scartasse entrare nei dettagli. 
 
Ig/wmr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE