mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Segnalano importanza di accompagnare lo sviluppo sociale con l’avanzamento economico cubano

Pinar del Rio, Cuba, 26 lug (Prensa Latina) Il vicepresidente di Cuba Josè Ramon Machado Ventura sottolineò oggi l'importanza di accompagnare lo sviluppo sociale con l'avanzamento economico, perché è questa la base che permette di sostenere le conquiste della Rivoluzione, espresse. 

 
Durante il suo discorso nell’atto centrale per la celebrazione del Giorno della Ribellione Nazionale, Machado Ventura assicurò che il cammino della Rivoluzione è tracciato, contiamo su documenti programmatici che fissano la portata dei cambiamenti che continueremo a fare, con l’obiettivo di ottenere un socialismo prospero e sostenibile, segnalò. 
 
Manca ancora molto da fare per ottenere il decollo dell’economia e con ciò dare risposta alle necessità del nostro popolo, puntualizzò. 
 
Ricordò che questo 64º anniversario dell’assalto alle caserme Moncada e Carlos Manuel de Cespedes è il primo senza Fidel Castro, “e non per questo ha smesso di essere presente la sua immagine, la sua opera ed il suo esempio”. 
 
Contrastò le cifre riportate 17 anni fa dal leader storico Fidel Castro sulla provincia di Pina del Rio, quando osservava che al momento del trionfo rivoluzionario questa era la meno favorita e molti la qualificavano come la cenerentola, nonostante la contribuzione che apportava nel ramo del tabacco e della miniera. 
 
Indicò nel passato che più dell’85% delle proprietà di Pinar del Rio non appartenevano ai lavoratori, nella salute esistevano sole 16 unità assistenziali e 100 ambulatori privati, 248 medici e 50 infermiere in totale. 
 
Oggi conta con 626 consultori del medico della famiglia, 19 policlinici e cinque ospedali, 4577 medici, 18 volte più che allora. 
 
Nelle zone rurali appartate attualmente funzionano 24 servizi di pronto soccorso che permettono curare degnamente la popolazione. 
 
La sorprendente cifra di più di 60 bambini deceduti per ogni mille nati vivi passò a 1,7 nel primo semestre del 2017, da 53 anni di speranza di vita nel 1958 oggi è a 79 anni. 
 
Nell’educazione da un 30% di analfabetismo, è da anni che questo indice è arrivato a zero, spiegò. 
 
Queste ragioni sono i motivi per avere dichiarato la più occidentale delle province cubane la sede di questo festeggiamento nazionale, ricordando il 26 luglio 1953, quando un gruppo di giovani, con Fidel Castro al comando, furono protagonisti dell’assalto alle caserme Moncada e Carlos Manuel de Cespedes. 
 
Ig/nda

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE