lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Delcy Rodriguez mette in chiaro che il Parlamento del Venezuela non è stato sciolto

Caracas, 18 ago (Prensa Latina) La presidentessa dell'Assemblea Nazionale Costituente (ANC) Delcy Rodriguez, ha fatto chiarezza oggi sul fatto che il parlamento venezuelano, in oltraggio, non è stato sciolto, ma ha esortato i suoi deputati affinché lavorino secondo la Costituzione Bolivariana. 

 
L’ex cancelliera ha dichiarato alla stampa che, col nuovo decreto costituente promosso questo venerdì dai 545 membri dell’assemblea, i membri dell’Assemblea Nazionale (AN) sono obbligati a convivere col potere originario, a rispettare le leggi della Repubblica ed a lavorare in maniera corretta. 
 
La nuova disposizione stabilisce che l’assemblea costituente assumerà le competenze del Legislativo, in oltraggio, per garantire la pace, la sicurezza, la sovranità ed il ristabilimento del sistema economico e finanziario del paese sud-americano. 
 
Inoltre, detta decisione permetterà di proteggere gli scopi dello stato ed i diritti dei venezuelani, ha aggiunto la titolare dell’ANC. 
 
“Loro lavorano per legiferare, non per dare golpe di stato. Non smetteranno di essere deputati, sapevamo che avevano preparato questa menzogna a livello internazionale, perché tutti gli eccessi che loro compiono in Venezuela pretendono coprirli con l’isteria internazionale dei poteri de facto mediatici”, ha sentenziato alla stampa. 
 
L’ex direttrice della diplomazia venezuelana risaltò che in due settimane di funzionamento della Costituente si convocarono i distinti rami del potere pubblico, che ratificarono la loro subordinazione al potere originario: il popolo. 
 
Nel caso di questo venerdì si sollecitò la presenza dei dirigenti del Potere Legislativo, ma declinarono la loro partecipazione e non si presentarono, ha denunciato. 
 
“Questa è la gran differenza, perché l’AN, non riconosce il Potere Costituente, ignorano gli oltre 8 milioni di venezuelani che dissero sì a questo gran processo mediante un’elezione sovrana per difendere l’indipendenza nazionale e la pace”, ha concluso. 
 
Ig/lrd 
        

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE