sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

200 studenti di medicina ex combattenti delle FARC-EP viaggiano a Cuba

Bogotà, 25 ago (Prensa Latina) I 200 ex combattenti delle FARC-EP selezionati per studiare nella Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM) de L'Avana sono stati congedati oggi nella sede dell'ambasciata cubana in Colombia, dove firmarono il codice di etica. 

 
I giovani colombiani ex membri dell’insorgenza ed altri provenienti da famiglie umili vincolate al movimento guerrigliero, hanno assistito a questa attività nella sede diplomatica, molti di loro accompagnati dalle loro famiglie, poche ore prima di partire verso l’isola caraibica, dove inizieranno il corso scolastico dal prossimo mese. 
 
Nella cerimonia di congedo dei futuri medici, il membro del Segretariato delle FAR-EP, Pastor Alape, qualificò il gruppo come il Primo Contingente di Medici per la Pace che si preparerà a Cuba, del migliaio di borse di studio offerte dal governo dell’isola per i prossimi cinque anni a giovani dell’ex movimento guerrigliero. 
 
Il comandante delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia-Esercito del Popolo, che visse negli ultimi anni a L’Avana, come parte della delegazione guerrigliera nelle conversazioni di pace, disse agli alunni che troveranno un paese molto diverso dalla Colombia nella nazione antillana, dove scopriranno che cosa è la vera solidarietà internazionale. 
 
Da parte sua, l’ambasciatore di Cuba in Colombia, Josè Luis Ponce, manifestò che questa offerta del suo paese rappresenta una contribuzione al processo di pace ed al post-conflitto in questa nazione andina, dopo la deposizione delle armi delle FARC-EP ed il loro passaggio alla vita civile. 
 
Il progetto dell’ELAM fa parte del programma integrale di salute, col quale Cuba estende solidalmente la collaborazione medica a diversi paesi e che è un esempio di quello che può fare una nazione di scarse risorse economiche, ma ricca in capitale umano ed in volontà politica, aggiunse Ponce. 
 
Commentò che si tratta del risultato del pensiero del leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, che è stato l’artefice di questo progetto solidale. 
 
Ig/fa

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE