sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Avvertono sull’intenzione di interrompere le relazioni tra gli Stati Uniti e Cuba

Washington, 29 set (Prensa Latina) Il senatore americano Patrick Leahy ha dichiarato oggi che il responsabile degli incidenti riportati dai diplomatici statunitensi a Cuba sta tentando di interrompere il processo di normalizzazione tra i due paesi.

  
Rimane un mistero per entrambi i governi qual è la causa di tutto ciò e chi c’è dietro all’intrigo, ha affermato in una dichiarazione il legislatore democratico per lo stato del Vermont.

Dobbiamo fare tutto il possibile per minimizzare gli effetti di queste misure di protezione nella nostra diplomazia, ha detto, riferendosi alla decisione del Dipartimento di Stato americano di ritirare più della metà del suo personale dall’ambasciata a Cuba.

Secondo Leahy, è necessario “risolvere questo mistero affinché il nostro staff dell’ambasciata possa ritornare il più presto possibile”.

La misura è giunta pochi giorni dopo che Cuba ha invitato gli Stati Uniti a non politicizzare un caso di questa natura ed a non prendere decisioni affrettate senza sostegno di prove e di risultati investigativi conclusivi.
  
Secondo i rappresentanti del Dipartimento di Stato, questo ente venerdì ha ordinato la rimozione del personale non di emergenza assegnato alla sede diplomatica a L’Avana, così come dei loro parenti.
  
Nella capitale cubana rimarrà il numero minimo di funzionari per i servizi di emergenza ed assistere i cittadini degli Stati Uniti.
  
La decisione è stata presa nonostante i funzionari abbiano sostenuto che entrambi i paesi continuano le rispettive indagini sulla questione.
  
Le fonti hanno anche riconosciuto lo sforzo compiuto dal governo cubano per analizzare ciò che è accaduto e la loro cooperazione per facilitare la ricerca statunitense.
  
Per giustificare tali misure, sono stati argomentati motivi di sicurezza ed i funzionari hanno sottolineato che saranno mantenute le relazioni diplomatiche tra i due paesi, ristabilite nel luglio del 2015 dopo più di 50 anni di rottura.

Il 26 settembre, il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez si è incontrato con il segretario di stato Rex Tillerson ed ha ribadito la serietà, la velocità e la professionalità con cui le autorità del suo paese hanno affrontato questa questione.

Allo stesso modo, ha detto che secondo i risultati preliminari ottenuti dalle autorità cubane nella loro indagine, che ha preso in considerazione i dati forniti dagli statunitensi, non esiste ancora nessuna prova delle cause e dell’origine delle condizioni sanitarie riportate.

Durante il dialogo, Rodriguez ha confermato a Tillerson l’importanza che gli Stati Uniti collaborino efficacemente con Cuba per chiarire fatti che sono senza precedenti nella maggiore delle Antille.

Ig/omr/nm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE