venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba protesta per l’espulsione di 15 dei suoi diplomatici negli USA

L'Avana, 3 ott (Prensa Latina) Il cancelliere di Cuba, Bruno Rodriguez, definì oggi ingiustificato e come un atto di natura politica la decisione del Dipartimento di Stato nordamericano di espellere 15 diplomatici dell'ambasciata del paese caraibico a Washington. 

 
Il Ministero di Relazioni Estere protesta energicamente e denuncia questa decisione infondata ed inaccettabile, dal momento che il pretesto utilizzato per giustificarla si regge sull’accusa contro il Governo di Cuba che secondo Washington non adottò tutte le misure adeguate per prevenire gli attacchi acustici, enfatizzò Rodriguez in una conferenza stampa in questa capitale. 
 
L’azione data a conoscere questo martedì dal governo degli Stati Uniti è relazionata con gli incidenti di salute riportati dai membri del servizio estero statunitense a L’Avana, le cui cause si ignorano ancora. 
 
Inoltre, il capo della diplomazia cubana sollecitò Washington di non continuare a politicizzare il tema che, secondo lui, potrebbe provocare un’esplosione indesiderata e fare retrocedere le relazioni, danneggiate dagli annunci del presidente Donald Trump, che il 16 giugno enunciò un cambiamento di politica verso Cuba. 
 
Il cancelliere cubano sottolineò che fino al momento, non esistono evidenze delle cause e dell’origine dei danni alla salute riportati dai diplomatici degli Stati Uniti e dai loro parenti. 
 
Affermò che Cuba compie con rigore e serietà i suoi obblighi derivati dalla Convenzione di Vienna sulle Relazioni Diplomatiche del 1961, in tutto ciò che si riferisce alla protezione dell’integrità degli agenti diplomatici e dei locali della missione. 
 
In questo senso, enfatizzò che il governo cubano non ha mai permesso e né permetterà mai che il territorio cubano sia utilizzato per qualsiasi azione contro funzionari diplomatici accreditati né contro i loro parenti, senza eccezione. 
 
Per concludere, reiterò la disposizione a cooperare per ottenere chiarezza su questa situazione, sebbene considerò essenziale un apporto più efficiente delle autorità degli Stati Uniti. 
 
Ig/lr 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE