martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Isis rivendica la responsabilità degli attacchi terroristici a Damasco

Damasco, 4 ott  (Prensa Latina) Il gruppo terroristico Isis ha rivendicato il triplo attacco terroristico alla stazione di polizia della capitale del distretto Midan, dove i jihadisti hanno ucciso 18 persone tra civili e poliziotti, come oggi hanno riferito i mezzi di stampa.

Il sedicente Isis, di questo gruppo jihadista, ha rilasciato una dichiarazione nella sua agenzia Amaq, dove spiega i dettagli sugli attacchi, accaduti due giorni fa.

Ha affermato nel documento che tali azioni violente fanno parte della “Battaglia Abu Mohammed Adnani” annunciata giovedì scorso dall’Isis per recuperare la strada tra Palmira e Deir Ezzor.

Tre soldati del Califfato, armati con mitragliatrici e granate, si sono diretti verso il quartiere Midan e sono riusciti a passare tutti i punti di controllo attorno alla capitale, ha detto.

Ha aggiunto che due dei terroristi suicidi si sono infiltrati nella stazione di polizia ed hanno affrontato i poliziotti, e quando hanno esaurito le munizioni, hanno fatto detonare le loro cinture esplosive.

Nel frattempo, ha sottolineato, il terzo kamikaze si è sparato quando sono arrivati i rinforzi e le squadre di salvataggio per trasportare i poliziotti feriti.

Il quartiere Midan, che è stato oggetto di frequenti attacchi terroristici dall’inizio del conflitto armato nel marzo 2011, si trova nel sud-ovest di Damasco.

In precedenza, l’Isis ha rivendicato la responsabilità di diversi attacchi a Damasco, l’ultimo dei quali è stato nel Palazzo di Giustizia della capitale, dove 45 civili sono stati uccisi dopo che un attentatore suicida ha innescato degli esplosivi all’interno dell’edificio.

Gli attacchi dell’Isis e di altre formazioni estremiste sono aumentati in varie parti del paese nei giorni scorsi, dopo molte vittorie dell’esercito siriano e dei suoi alleati, impegnati ad espellere i terroristi da questo territorio.

Ig/omr/obf
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE