domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cammino difficile di Michel Temer per frenare la seconda denuncia

Brasilia, 5 ott (Prensa Latina) La strada che potrebbe condurre il presidente del Brasile, Michel Temer, a frenare la denuncia che affronta per associazione criminale ed ostruzione della giustizia risulta essere in salita, come dimostrano i risultati di un'inchiesta.  

 
D’accordo con un sondaggio dell’Istituto Paranà Pesquisas, il 74,9% degli elettori brasiliani indicò che non appoggeranno nelle elezioni del prossimo anno quei deputati che decidano di appoggiare il governante e, come è successo con un’accusa anteriore per corruzione passiva, archiviare il processo. 
 
Al contrario, solo il 13,3% manifestò la sua disposizione a dare il suo voto a parlamentari che aiutino Temer a preservare il mandato che ottenne come risultato del golpe parlamentare-giudiziario perpetrato nel 2016 contro la presidentessa costituzionale Dilma Rousseff. 
 
La stessa indagine, realizzata via internet tra il 30 settembre ed il 3 ottobre con un campione di 2160 persone, rivelò che il 75,8% degli  intervistati non voterebbe nel 2018 per un candidato che fosse appoggiato dall’attuale occupante del Palazzo di Planalto. 
 
In un incontro con senatori dell’opposizione all’inizio di questa settimana, Rodrigo Maia, titolare della Camera dei Deputati -che sarà in definitiva l’addetta a decidere se Temer sarà giudicato o no per il Tribunale Supremo Federale – ha affermato che Temer dovrà affrontare “alcune difficoltà” per frenare la denuncia questa volta. 
 
Tuttavia, e secondo i partecipanti nell’incontro citati dal quotidiano digitale Brasil 247, lo stesso Maia disse che crede che in ogni modo il capo del governo raggiungerà i voti sufficienti per abbattere l’accusa della Procura Generale della Repubblica (PGR). 
 
Ig/mpm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE