giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Maduro scommette sul dialogo in Venezuela

Caracas, 24 ott (Prensa Latina) Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, riaffermò oggi la sua posizione favorevole al dialogo con settori oppositori ed ha detto che nel paese si devono imporre i voti sulle pallottole. 

 
Durante la sua partecipazione nel III Incontro Nazionale del Movimento Somos Venezuela, nella Sala Rios Reyna del Teatro Teresa Carreño, in questa capitale, il mandatario ha porto il ramo di olivo ai settori dell’opposizione, come ai governatori oppositori eletti il passato 15 ottobre, per consolidare la pace e la stabilità. 
 
“Credo nel dialogo, nella parola, nella convivenza. Non credo nell’estremismo, nell’odio. Io ho detto nel momento più difficile ‘voto sì, pallottole no’. Hanno vinto i voti, la Costituente ed ora devono imporsi il dialogo, l’armonia, la convivenza, la pace”, sottolineò.
 
Pochi giorni fa il ministro per l’Educazione, Elias Jaua, informò che il governo venezuelano si manterrà sul cammino del dialogo per consolidare la pace e garantire la stabilità per il lavoro e lo sviluppo. 
 
“Per noi il dialogo continua ad essere uno spazio per creare le condizioni di lavoro, politiche, sociali, economiche, di convivenza per il riconoscimento, per lo sviluppo, senza negoziare la sovranità del popolo”, ha sottolineato Jaua in dichiarazioni alla rete televisiva Televen. 
 
Inoltre, l’anche dirigente del Movimento Somos Venezuela ripudiò che la coalizione oppositrice insiste nell’ignorare il processo democratico venezuelano con la sola intenzione di incoraggiare la destabilizzazione e provocare un intervento militare straniero. 
 
Mentre il governo parla di riconciliazione e dialogo questo martedì, il deputato Freddy Guevara dichiarava che il partito di destra Volontà Popolare, al quale appartiene, non parteciperà alla convocazione alle elezioni municipali, che si svolgeranno prossimamente. 
 
L’anche primo vicepresidente dell’Assemblea Nazionale (in oltraggio alla legge) propone una nuova alleanza oppositrice che riformuli la strategia della dirigenza ed includa i leader del chiamato “chavismo dissidente”. “Oggi la realtà è che la Mensa dell’Unità ha perso significato, bisogna ristrutturarla”, ha concluso.  
 
Ig/lb 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE