martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Leader algerino riceve inviato del segretario generale dell’ONU

Algeri, 24 ott (Prensa Latina) Il presidente algerino, Abdelaziz Bouteflika, ha ricevuto l'inviato personale del segretario generale dell'ONU per il Sahara Occidentale, il tedesco Horst Kohler, che cerca ristabilire il dialogo di pace nella regione, riporta oggi la pagina web “Sahara Press Service” 

 
La riunione, alla quale assisterono anche il primo ministro, Ahmed Ouyahia, ed il ministro degli Affari Esteri Abdelkader Messahel, seguì a quella di Kohler col segretario generale del Fronte Polisario, Brahim Ghali, secondo “Sahara Press Service”. 
 
Ghali considerò che la sua conversazione con l’inviato personale del segretario generale dell’ONU, “fu fruttifera, positiva e costruttiva” ed assicurò che “i saharawis non risparmieranno nessuno sforzo affinché abbia successo nella sua missione”. 
 
L’anche presidente della Repubblica Araba Saharawi Democratica (RASD) condizionò il dialogo di pace gestito ora di nuovo da Kohler a che la parte marocchina che bloccò fino ad ora i tentativi di soluzione politica, “garantisca il diritto del popolo saharawi all’autodeterminazione ed abbia la volontà di collaborare”. 
 
Ghali pensò che affinché le conversazioni prosperino si richiede anche “l’appoggio del Consiglio di Sicurezza e specialmente dei membri permanenti”. 
 
Speriamo inoltre che Kohler non ignori il ruolo dell’Unione Africana che è un attore imprescindibile in questa questione ed un socio dell’ONU rispetto alla decolonizzazione del Sahara Occidentale, ultima colonia in Africa, sottolineò il leader saharawi. 
 
L’inviato speciale dell’organismo mondiale arrivò mercoledì scorso agli accampamenti dei rifugiati saharawi in Algeria, dove sostenne incontri con le massime autorità del Fronte Polisario e della società civile della RASD. 
 
Algeria ed il suo governo sono alleati stretti e collaboratori della dirigenza saharawi nella sua lotta perché l’ONU convochi un referendum affinché il popolo voti per la sua autodeterminazione. 
 
Ig/apb 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE