mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Collegano il gran numero di armi con un alto indice di sparatorie negli Stati Uniti

Washington, 7 nov (Prensa Latina) L'unica variabile che può spiegare l'alto indice di sparatorie di massa negli Stati Uniti è il suo numero astronomico di armi da fuoco, ha pubblicato oggi il New York Times, in mezzo al nuovo dibattito su tali artefatti.

Secondo il giornale, sia gli amanti che i critici di questa nazione si chiedono perché succedono tanti crimini di questo tipo, e forse qualcuno ipotizza che questa è una società insolitamente violenta, a causa delle divisioni razziali, o della mancanza di un’adeguata assistenza sanitaria della salute mentale.

“Queste spiegazioni condividono un fatto in comune: anche se sono apparentemente ragionevoli, sono state tutte squalificate dalle indagini sulle sparatorie in altre parti del mondo”, ha sottolineato la pubblicazione.

Secondo l’articolo, un corpo di ricerca in costante crescita arriva sempre alla stessa conclusione, che il grande numero di armi da fuoco è la principale ragione di questi eventi.

Gli statunitensi rappresentano circa il 4,4% della popolazione mondiale, ma dispongono del 42% delle armi del mondo.

Dal 1966 al 2012, il 31% degli autori di sparatorie di massa in tutto il mondo sono stati gli statunitensi, secondo uno studio nel 2015 condotto da Adam Lankford, professore presso l’Università dell’Alabama.

In termini di popolazione, solo Yemen ha un tasso di eventi di questo tipo più alto, tra i paesi con più di 10 milioni di abitanti, e il Times ha richiamato l’attenzione sul fatto che la nazione possiede il secondo indice di possesso di armi più alto del pianeta.

Secondo la pubblicazione, la salute mentale non fa nessuna differenza, come è stato suggerito da alcuni sostenitori del possesso delle armi, in uno studio di due anni fa, che ha rivelato che solo il 4% dei decessi per questi artefatti potrebbe essere attribuito alle sofferenze mentali.

Ha anche sottolineato che non è nemmeno rilevante il fatto che la gente giochi ai videogame, infatti gli statunitensi giocano esattamente come in qualsiasi altro paese sviluppato.

Allo stesso modo, la diversità razziale o altri fattori associati alla coesione sociale indicano una scarsa correlazione con la violenza armata. “Nei paesi europei, c’è poca associazione tra immigrazione od altre misure di diversità e gli indici di omicidio per armi da fuoco o sparatorie ”.

Il Times ha menzionato alcuni dati in quanto l’indice di omicidi relativi a questi artefatti negli Stati Uniti: 33 morti su un milione di persone nel 2009, un totale molto superiore alla media degli altri paesi sviluppati.

Ha anche ricordato che nel 2013 le morti statunitensi correlate a questa causa includevano 21175 suicidi, 11208 omicidi e 505 incidenti. “Lo stesso anno, in Giappone, un paese con un terzo della popolazione degli Stati Uniti, le armi da fuoco sono state coinvolte in soltanto 13 morti”.

Ig/omr/mar

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE