giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Le testimonianze ratificano la rete criminale del precedente governo panamense

Panama, 10 nov (Prensa Latina) La presunta rete criminale creata in Panama durante il Governo di Ricardo Martinelli (2009-2014) è stata una volta di più segnalata nelle testimonianze dei partecipanti nei delitti, fatto che ha provocato oggi reazioni nella società panamense.

Dettagli del modus operandi e dei suoi attori sono stati confermati o rivelati in accordi precedenti di testimonianza ricompensata (collaborazione efficace) tra la Procura Generale e gli accusati dello schema di bustarelle pagate dall’azienda edile brasiliana Odebrecht, che ieri ha ricevuto la comunicazione della magistratura di far parte del dossier.

I testimoni sono Andres Campo Rabello, ex rappresentante dall’azienda sull’istmo; il banchiere Olivio Rodrigues e Luis Eduardo da Arrocha, che hanno firmato accordi con enti giuridici Azienda Edile Norberto Odebrecht  Panama S. A. ed Azienda Edile Norberto Odebrecht S.A. (società principale).

Rabello ha ammesso nella sua confessione, dopo l’accordo, che l’azienda edile ha pagato 85,3 milioni di dollari ai funzionari ed ai loro famigliari in Panama, per ricevere “trattamenti preferenziali per sbloccare gli ostacoli amministrativi, la formalizzazione degli addendi e l’accelerazione dei pagamenti nei loro affari con il Governo”.

Nella sua teoria del caso sulla base delle testimonianze ed altri elementi di prova, la procuratrice Zuleyka Moore ha dato i dettagli dei rapporti rivelati da Rabello con i figli dell’ex presidente Luis Enrique e Ricardo Martinelli Linares (latitanti) a chi ha consegnato la maggior parte del denaro riconosciuto, in parecchi conti e società, secondo la testimone.

La lista degli implicati, dopo la testimonianza, ha incluso gli ex ministri Frank De Lima, Jaime Ford e Demetrio Papadimitriu, ed ha compreso anche l’ex direttore della Cassa di Risparmio Ricardo Francollini, ed altri considerati prestanome per coprire i destinatari reali.

Tutti appartengono alla famiglia o il cosiddetto Circolo Zero dell’ex presidente Martinelli, attualmente in custodia negli Stati Uniti in attesa della sua estradizione a Panama, fatto che implica in qualche modo l’ex governante, secondo gli analisti e gli avvocati, che considerano che ci sono delle evidenze di una rete criminale organizzata dal Governo.

Ma, la madre dei fratelli Martinelli, Marta Linares, nel suo account dei social network Twitter ha descritto gli accordi come una “rapina al paese” ed ha inoltre scritto: “Moore nella sua interpretazione ha assegnato la maggior parte delle società ai figli di RM (Ricardo Martinelli) parlando di una somma astronomica” ed ha avvertito che “smaschereremo molte delle bugie che hanno detto”.

Da parte sua, anche Francollini si è difeso pubblicamente respingendo le accuse contro di lui ed ha detto ai giornalisti che “è un’accusa assolutamente falsa. La procuratrice mente e lei lo sa, perché è confermato dalle prove provenienti dalla Svizzera e da altre in suo possesso”.

Ig/omr/orm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE