lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Restaurano ed espongono parte della storia archeologica de L’Avana

L'Avana, 14 nov (Prensa Latina) L'Avana arriverà il 16 novembre al 498º anniversario della sua fondazione con una parte della sua storia archeologica restaurata ed esposta al pubblico, ha annunciato oggi lo storiografo di questa città, Eusebio Leal. 

 
L’Avana ha avuto un ruolo preponderante nella storia della navigazione, della cultura, della gran disputa prodotta nei Caraibi per la ripartizione del mondo, ricordò il dottore in Scienze Storiche e Maestro in Scienze Archeologiche in un incontro con i mass media nell’edificazione El Templete. 
 
Nella collocazione di questo tempio greco-romano, si celebrò nel 1519 la prima messa ed il primo consiglio comunale, all’ombra di una “ceiba”, la cui simbologia i cubani cercano di onorare con la semina di piante della stessa specie nello stesso luogo, ogni volta che il manto freatico salino secca la pianta. 
 
All’essere una delle prime cittadine fondate in America, L’Avana si trova tra le città storiche e capitali più antiche del continente. 
 
La pioggia, insistente in questi giorni, non ha fermato i lavori di restaurazione, ha commentato lo storiografo. 
 
Come ha spiegato, le campane del Castillo de la Real Fuerza, delle chiese e dei campanili antichi della città suoneranno domani come parte di una celebrazione dell’avvenimento del giorno dopo, la festività in onore a San Cristobal, patrono de L’Avana. 
 
Allo stesso tempo, rimarranno inaugurate numerose opere come il Centro Giovanile, nel cuore del Centro Storico, dotato di tutti gli elementi moderni affinché la gioventù de L’Avana e cubana possa godere dell’arte di fare cinema, radio, studiare danza, usare una biblioteca moderna, ha dettagliato Leal. 
 
D’accordo con l’accademico, l’istituzione si erige nel centro di un insieme di abitazioni e musei che riassumono l’ideale dell’Ufficio dello Storiografo. 
 
Si inaugureranno anche esposizioni nel Castillo de la Real Fuerza, per presentare tesori ottenuti mediante recuperi sottomarini, e si aprirà il nuovo Museo di Archeologia nel Palacio de Tacon.  
 
I viaggiatori ed abitanti della città potranno percorrere un’altra volta il Palacio de los Capitanes Generales, dopo che la maggioranza delle sale sono state completamente restaurate ed hanno ricostruito il portico perso nel 1852. 
 
Altri luoghi restaurati in ricordo dei quasi cinque secoli di fondazione de L’Avana sono stati il Museo di Pittura Murale, la farmacia Taquechel del Centro Storico, la Casa Humbolt, vari locali destinati al commercio e numerose abitazioni della zona. 
 
I bambini disporranno nuovamente del Parco infantile La Maestranza che è stato colpito agli inizi di settembre dal passaggio dell’uragano Irma. 
 
Leal ha anche affermato tristemente che “non si meraviglino se dovremo demolire degli edifici per i quali abbiamo lottato furiosamente per anni”. 
 
Ma L’Avana è ora e sarà, senza dubbio, ancora più bella, anche se arriveranno cicloni, venti, proscrizioni, reclusioni, saremo sempre capaci di rompere il muro ed andare avanti. 
 
“Questa è la storia dell’albero ed anche la nostra, è come l’albero della vita, alla sua ombra ci rifugiamo”, ha detto, ad un metro dell’attuale ceiba.  
 
Ig/msm 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE