domenica 14 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Onora università del Nicaragua a Fidel Castro

Managua, 23 nov (Prensa Latina) L'Università Autonoma del Nicaragua (UNAM-Leon) ha consegnato ieri al leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, il titolo di Dottore Honoris Causa, ad un anno dalla sua scomparsa fisica, per i suoi apporti nel campo politico, sociale, culturale ed umanista. 

 
La massima distinzione che conferisce questa casa di alti studi, ubicata nel dipartimento di Leon, è stata ricevuta dall’ambasciatore di Cuba in Nicaragua, Juan Carlos Hernandez, che ha ringraziato a nome del suo popolo e governo per questo gesto speciale di solidarietà ed affetto verso l’isola. 
 
“Un uomo come Fidel che ancora dopo il suo decesso continua a darci lezioni di dignità e grandezza, è stato capace di respingere riconoscimenti ed onori e si mantenne fedele agli insegnamenti di Josè Martì, che disse che ‘tutta la gloria del mondo entra in un grano di mais’”. 
 
Per Hernandez il migliore omaggio che può essere fatto al leader cubano è mantenere vivo il suo lascito. 
 
“Oggi, quando stiamo a tre giorni dal commemorare il primo anniversario del suo transito verso l’immortalità, non posso smettere di riconoscere -in nome del governo e del glorioso popolo di Cuba – l’infinita gratitudine al Governo Sandinista ed a tutto il popolo nicaraguense per le dimostrazioni di rispetto ed ammirazione verso il leader eterno della Rivoluzione Cubana”, ha sottolineato. 
 
Inoltre, il diplomatico ha sostenuto che il leader cubano ha distrutto i concetti delle relazioni internazionali e della politica, come il fatalismo geografico; l’ordine mondiale esistente; il ruolo delle potenze; i miti razziali della supremazia bianca e quelli di genere. 
 
Mai prima un paese del chiamato Terzo Mondo ha contribuito con centinaia di migliaia dei suoi coraggiosi internazionalisti a difendere l’indipendenza, la libertà e lo sviluppo, senza guadagnare un centesimo da tutto ciò”, ha indicato. 
 
“Aveva capito che la povertà non si elimina con le bombe, bensì con la cooperazione. Ha fatto della solidarietà internazionalista un pilastro essenziale della politica estera della maggiore delle Antille”, ha concluso. 
 
Ig/acl

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE