giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Santos ordina di ritornare in Colombia alla squadra negoziatrice con l’ELN

Bogotà, 10 gen (Prensa Latina) Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha ordinato oggi il ritorno immediato a questa capitale della squadra negoziatrice del governo con l'ELN, a seguito di un attacco ad un oleodotto attribuito alla guerriglia.

In un discorso rivolto all’intero paese, Santos ha deplorato la decisione dell’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) di riprendere quelli che ha definito “attacchi terroristici contro la popolazione civile, le forze armate e le infrastrutture”.

Ha aggiunto che il suo governo è sempre stato disposto ad estendere il cessate il fuoco bilaterale e negoziarne uno nuovo.

Ha sottolineato che l’ELN ha ripreso le azioni offensive questa mattina, proprio il giorno in cui avrebbe dovuto iniziare un nuovo ciclo di negoziati a Quito.

Ha detto che prima dell’attentato (al gasdotto Caño Limon Coveñas, nel dipartimento di Arauca), ha parlato con Gustavo Bell, capo della squadra negoziatrice del governo, affinché ritornasse in Colombia e valutasse il futuro del processo.

Ha comunicato che ha ordinato alle Forze Armate di “agire con fermezza per rispondere all’aggressione e proteggere la vita e l’onore dei colombiani, come è il loro dovere costituzionale”.

Il mandatario ha dichiarato che il suo impegno per la pace “è stato e sarà indeclinabile. Ma alla pace si arriva con volontà ed atti concreti di pace. Non solo con le parole”.

Tanto il governo quanto la guerriglia si disponevano a riprendere i negoziati con una volontà ripetuta di costruire la pace e con il riconoscimento che non si erano scontrati militarmente negli ultimi tre mesi, cosa che non era accaduta da più di mezzo secolo.

Tuttavia, le delegazioni di entrambe le parti sono arrivate nella capitale ecuadoriana sotto il manto della sfiducia, dopo accuse reciproche sulle violazioni di alcuni punti dell’Accordo di Pace a L’Avana.

Le autorità colombiane ritengono l’ELN come responsabile dell’attentato al suddetto gasdotto nell’ultima alba, però l’ELN non si è ancora pronunciato sul fatto.

Ig/omr/tpa

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE