lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Manifesto degli intellettuali del mondo per la pace della Colombia

Bogotà, 5 feb (Prensa Latina) Più di 300 intellettuali di tutto il mondo hanno espresso preoccupazione intorno all'implementazione degli accordi di pace e sugli assassini di leader sociali in Colombia. 

 
Riconosciute figure dell’intellighenzia mondiale hanno firmato un documento nel quale dimostrano inquietudine per i crimini contro i difensori dei diritti umani, leader sociali e membri del partito Forza Alternativa Rivoluzionaria del Comune (FARC) nel paese sud-americano. 
 
Secondo il quotidiano colombiano “El Espectador” che ha avuto accesso al testo riferito, i professori francesi Robert Chaluleau, Marie Estripeaut-Bourjac ed il colombiano-francese Alfredo Gomez Muller dirigono l’iniziativa di creare un’analisi sul processo di pace. 
 
Come risultato di questo progetto sono riusciti a riunire la firma di più di 300 intellettuali di tutto il mondo, come la scrittrice statunitense Judith Butler ed i filosofi marxisti Michael Löwy ed Etienne Balibar, questo ultimo alunno del riconosciuto filosofo Louis Althusser. 
 
Nella lista di personalità che hanno firmato il manifesto ci sono anche Eric Fassin (Francia), Alex Callinicos (Gran Bretagna), Silvia Rivera Cusicanqui (Bolivia), Franz Hinkelammert (Costa Rica) ed Atilio Boron (Argentina). 
 
Il documento fa menzione delle dichiarazioni del capo della Missione Speciale di Pace dell’ONU in Colombia, Jean Arnault, nel novembre scorso, quando ha messo in allerta sui ritardi nella creazione di condizioni e stabilimento di garanzie per la nuova incorporazione alla vita civile degli ex combattenti delle FARC. 
 
La dichiarazione include un appello all’Unione Europea “affinché si assuma le sue responsabilità al riguardo, considerando i suoi appoggi previ al processo, quando ha inviato un emissario durante le conversazioni a L’Avana”. 
 
Considerando anche l’appoggio dell’UE finanziario e logistico a numerose iniziative di pace nel territorio colombiano. 
 
“Vedere il collasso del processo di pace senza agire con maggiore fermezza metterebbe in pericolo il significato stesso della sua azione in questa regione del mondo”, conclude il manifesto. 
 
Ig/tpa

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE