martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Denunciano i voli della morte per lanciare nel vuoto desaparecidos in Messico

Messico, 27 feb (Prensa Latina) I mass media hanno denunciato che dagli elicotteri della polizia di Veracruz, in Messico, i corpi sono stati gettati in un burrone vicino ad un'accademia di polizia, assicurano i gruppi di parenti dei desaparecidos in questo stato messicano.

Questi gruppi hanno ottenuto testimonianze dai residenti del comune di Emiliano Zapata, dove si trova l’Accademia di Polizia “El Lencero”.

Gli abitanti del luogo hanno raccontato che dagli elicotteri della Forza Civile i corpi sono stati gettati nel burrone conosciuto come “La Olimpica”, che si trova vicino alla stazione di polizia.

Hanno detto di aver documentato un caso di corpi intrappolati negli alberi, nel gennaio del 2016.

Inoltre, hanno ricordato la scoperta di 12 scheletri, che aveva costretto l’allora governo di Javier Duarte ad accettare il fatto, anche se ha soltanto riconosciuto la metà dei cadaveri.

Maria Elena Gutierrez, del gruppo “Buscando a Nuestros Desaparecidos y Nuestras Desaparecidas de Veracruz,” ha assicurato che ci sono ancora più resti umani nell’area.

Il 14 febbraio, una giudice di controllo ha decretato la connessione al processo giudiziario contro 19 ufficiali del Segretariato di Pubblica Sicurezza di Veracruz, tra cui tre ufficiali della polizia di alto livello che hanno prestato servizio durante il governo di Javier Duarte.

Gli ex poliziotti appartenevano ad un gruppo di élite che si dedicava a perseguire qualsiasi sospettoso appartenente al gruppo criminale “Los Zetas” e vengono accusati della scomparsa forzata di 15 persone, tra cui donne e minorenni.

Durante l’amministrazione di Duarte (arrestato per accuse di corruzione), sono stati aperti 3600 fascicoli investigativi a causa dei desaparecidos.

Ig/omr/ool

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE