sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Le donne argentine scioperano l’8 marzo per richieste urgenti

Buenos Aires, 7 mar (Prensa Latina) L'accesso ad un aborto legale, sicuro e gratuito, una questione molto delicata nella società Argentina, sarà una delle principali richieste da migliaia e migliaia di donne che sciopereranno domani, nel “Giorno Internazionale della Donna.”

In una conferenza stampa convocata dall’Associazione dei Corrispondenti Esteri (ACERA) in questa nazione sudamericana, la nota giornalista Mariana Carbajal ha segnalato che, oggi vedono un momento storico impensabile anni fa nella lotta che le donne hanno affrontato da secoli.

“C’è una gioventù che sta dirigendo la lotta come una locomotiva, facendo rivivere il femminismo in Argentina, con molti esempi. Le bandiere oggi non sono più portate in alto dalle figure storiche, le giovani sono quelle che le sostengono”, ha affermato.

Sulla mobilitazione importante che si svolgerà domani in tutto il paese, estesa ad altre 60 nazioni, la specialista delle questioni di genere ha evidenziato che lo sciopero che dirigeranno è uno strumento di appello perché le nostre richieste, ha detto, sono urgenti.

Lo sciopero avrà il suo epicentro a Buenos Aires con una manifestazione da Plaza de Mayo al Congresso, con le richieste che oggi esigono: la legalizzazione dell’aborto, fermare i licenziamenti e l’aggiustamento del Governo, i femminicidi e gli omicidi delle trans, tra le altre richieste.

Carbajal ha spiegato che gli indicatori economici riflettono oggi come incidono maggiormente sulle donne. Solo nella capitale, le statistiche del Governo dimostrano che la disoccupazione è aumentata di quasi quattro punti nel caso delle donne.

La specialista, che ha affermato che ci vogliono politiche sul tema efficaci per combattere molti dei flagelli che soffrono oggi, era fiduciosa che questa volta il dibattito nel Congresso di un progetto di legge sull’Interruzione Volontaria della Gravidanza, giunga a buon fine.

In Argentina ogni 29 ore una donna viene uccisa, le politiche pubbliche non sono efficaci e la giustizia è ancora patriarcale e maschilista, ha spiegato Carbajal.

Nel frattempo la dottoressa in scienze sociali Veronica Gago ha sottolineato che nell’evento centrale dell’8 marzo verrà letto un esteso documento concordato con le donne di tutti i ceti sociali di otto punti, con una diagnosi femminista della situazione del paese e dell’America Latina come i femminicidi territoriali, per esempio.

Gago ha assicurato che oggi la questione del femminismo in questo paese e nei paesi fratelli ha una connessione con la collettività ed ha anticipato che le donne parteciperanno in questo giorno in massa da ogni angolo del paese, innanzitutto con una protesta rumorosa prevista alle 11:00 ora locale, che influirà anche sui centri penitenziali in luoghi come Mar del Plata, La Pampa, Buenos Aires e Rosario.

Ig/omr/may

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE