mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Chiedono a Jesus Santrich di non arrendersi

Bogotà, 7 mag (Prensa Latina) Noti negoziatori della pace in Colombia hanno chiesto oggi al leader del FARC, Jesus Santrich, di non arrendersi e di continuare a vivere per lavorare accanto ai suoi compagni nella costruzione della pace.

“Continua ad essere un architetto centrale della pace nazionale. Per questo,  ti aspettano la tua gente, i tuoi compagni di lotta”, hanno espresso il senatore del Polo Democratico Alternativo, Ivan Cepeda, ed l’ex ministro ed ex congressista, Alvaro Leyva.

In una lettera inviata al leader del partito Forza Alternativa Rivoluzionaria del Comune (FARC), Cepeda e Leyva esprimono preoccupazione per lo stato di salute di Santrich dopo 27 giorni di sciopero della fame per protestare contro l’accusa che gli viene fatta di traffico di droga e che lo mantiene in carcere dal 9 aprile scorso.

“E’ in grave pericolo il valore della sua stessa esistenza per considerare che è stato offeso moralmente con un’accusa che lo distrugge per essere chi è e che nega la sua esperienza di cercare la pace nazionale da diversi anni”, segnala la missiva.

I politici colombiani evidenziano il ruolo di Santrich, come una parte fondamentale della costruzione degli Accordi de L’Avana e di come nel tavolo di dialogo lui “sia stato abile, conciliante, principalmente creativo e duro nei momenti in cui lo considerava necessario, per mantenere una posizione in difesa dei loro interessi”.

“Non vedente sì, ma non per questo cieco”, hanno detto Cepeda e Leyva sul capo del FARC, che il procuratore locale ha arrestato sulla richiesta della Giustizia statunitense, che cerca la sua estradizione, azione descritta dal FARC come una messinscena giuridica contro il partito.

La lettera ha anche menzionato le personalità che hanno visitato Santrich nei giorni scorsi, un’espressione di come la comunità internazionale riconosce il suo coraggioso percorso ed i suoi contributi.

Tra queste, ci sono il padre Francisco de Roux S. J., il rappresentante delle Nazioni Unite in Colombia, Jean Arnault; l’inviato dell’Unione Europea, Eamon Gilmore; l’ambasciatore de L’Avana in Colombia, Josè Luis Ponce ed i diplomatici della Norvegia, paese garante insieme a Cuba del processo di pace in Colombia.

“Quelli di noi che sottoscrivono questa missiva, ti diciamo: devi vivere per costruire ancora più pace; devi continuare a camminare prima di poter dormire tutta l’eternità … Arrendersi, mai”, ha ribadito il messaggio inviato a Santrich.

Ig/omr/tpa

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE