lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Governo saharawi soddisfatto per riscatto e vendita di fosfati

Algeri, 9 mag (Prensa Latina) Il governo della Repubblica Araba Saharawi Democratica (RASD) ha celebrato il recupero e la vendita di un carico di roccia fosforica esportata in forma illegale dal Marocco verso la Nuova Zelanda. 

 
Il riscatto della negoziazione è avvenuto grazie a gestioni della giustizia di Pretoria che ha sequestrato in maggio del 2017, su sollecito del governo saharawi, una nave carica di circa 50 mila tonnellate di fosfati, estratti dai territori occupati da Rabat, secondo Sahara Press Service. 
 
Le gestioni di successo per la cooperazione tra saharawi e sudafricani hanno appoggiato la difesa da parte del governo di Aiun della sovranità di questi territori, le cui risorse, secondo organi di giustizia internazionali come quelli dell’Unione Europea, considerano patrimonio del popolo e del governo della RASD. 
 
L’imbarcazione Cherry Blossom è salpata con la citata merce dalla capitale saharawi il 13 aprile 2017, ha preso la rotta del sudafricano Capo di Buona Speranza, ha fatto scalo a Port Elizabeth per rifornirsi di combustibile ed è stata sequestrata dalle autorità di Pretoria. 
 
La Corte Suprema del Sudafrica ha sentenziato che la RASD “è proprietaria della totalità del carico di fosfato che era a bordo della nave”. 
 
Questa istanza giuridica ha sottolineato che “la proprietà del fosfato non è mai stata legalmente acquisita dalle compagnie statali marocchine OCP SA e fosfati Bucraa SA e non sono autorizzate a vendere fosfato”. 
 
Il Fronte Polisario, braccio politico ed armato della RASD, ha reso noto che ha deciso di intraprendere azioni simili in altri paesi contro le aziende incluse nell’acquisto illegale al Marocco di merci a partire da risorse naturale saharawi. 
 
Ig/apb

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE