martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Conferenza Episcopale chiede un accordo di pace per il futuro del Nicaragua

Managua 16 mag (Prensa Latina) La Conferenza Episcopale del Nicaragua ha fatto oggi un appello al dialogo ed alla pace per il futuro della nazione, durante l'inizio delle conversazioni tra il Governo ed i differenti settori della società. 

 
“Chiedo a tutti che non ci chiudiamo in noi stessi, dobbiamo ascoltare, e non dobbiamo scartare nessuna soluzione possibile. Il futuro della nostra nazione è responsabilità di tutti e risiede nelle nostre mani”, ha affermato il cardinale Leopoldo Brenes, presidente dell’istituzione mediatrice e testimone del processo. 
 
“Attraverso questo dialogo possiamo aiutare a costruire un mondo migliore in modo che sia un luogo di accoglienza e di rispetto, e resistere così alle divisioni ed ai conflitti”, ha aggiunto Brenes. 
 
Durante il suo intervento ha esortato i nicaraguensi ad essere artefici e costruttori della pace, come ha chiesto il papa Francesco nel suo messaggio di solidarietà. 
 
“Vogliamo essere il ponte tra fratelli di una stessa nazione, separati dall’età, dagli interessi e dai modi di percepire la realtà, e concepire le soluzioni che ci hanno portato alle dolorose e multiple realtà accadute e che oggi ci hanno portato qua”, ha riferito il cardinale. 
 
Per l’anche arcivescovo dell’Arcidiocesi di Managua, accettare il ruolo di mediatore del dialogo è una difficile e complessa sfida. 
 
Durante l’inaugurazione del dialogo, il presidente Daniel Ortega ha fatto un appello per fermare lo spargimento di sangue tra fratelli, come conseguenze della violenza sviluppatasi nelle ultime settimane nelle proteste in favore e contro il governo. 
 
Il leader del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale ha assicurato che la Polizia ha ordini chiari di non sparare. 
 
“Siamo i primi interessati in che si faccia giustizia”, ha sottolineato Ortega commentando sulle accuse di un ipotetico uso smisurato della violenza da parte delle forze dell’ordine durante le manifestazioni, con un saldo di morti e feriti ancora da determinare. 
 
Ig/lla

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE