giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Maduro espelle dal Venezuela i diplomatici degli USA

Caracas, 22 mag (Prensa Latina) Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro ha dichiarato oggi persona non grata a due diplomatici dell'ambasciata degli Stati Uniti nel paese sud-americano. 

 
Maduro ha emesso la sentenza di espulsione dal paese per l’incaricato d’affari, Todd Robinson e per il ministro consigliere statunitense, Brian Naranjos per incorrere in azioni interventiste contro Venezuela. 
 
La decisione contempla l’abbandono del territorio venezuelano da parte dei funzionari, in un periodo non maggiore di 48 ore. 
 
Maduro ha formulato l’accusa nella sede del Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), in questa capitale, durante l’atto di proclamazione come presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela nel periodo 2019-2025, per il quale è stato eletto il 20 maggio. 
 
Il mandatario ha denunciato che il governo degli Stati Uniti pretende, con ognuna delle sanzioni imposte, continuare ad aumentare la sua aggressione contro Venezuela. 
 
“Io ripudio tutte le sanzioni che si sono istituite contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela perché sono dannose, generano sofferenza al popolo del Venezuela, generano danno economico, fisico, finanziario, monetario al popolo del Venezuela. Respingo e ripudio la cospirazione permanente”, ha condannato. 
 
La più recente delle misure di Washington in risposta alla rielezione di Maduro punta contro il debito pubblico ed i buoni della banca venezuelani, per limitare la capacità dell’Esecutivo bolivariano di liquidare attivi in territorio statunitense. 
 
Inoltre, proibisce comprare qualsiasi debito promesso come garanzia dopo l’entrata in vigore dell’ordine esecutivo, firmato ieri dal presidente statunitense, Donald Trump. 
 
Contempla inoltre la proibizione della vendita, del bonifico o dell’assegnazione di partecipazione di capitale in qualsiasi istituzione, nella quale il governo venezuelano abbia un 50%, od anche di più, nelle sue azioni. 
 
In risposte a tale manovra, le autorità venezuelane hanno emesso un comunicato nel quale ripudiano “la sistematica campagna di aggressioni ed ostilità del regime statunitense che cerca di punire il popolo venezuelano per esercitare il suo sagrato e legittimo diritto al voto”. 
 
Ig/odf

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE