martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela denuncia: gli USA aggrediscono il multilateralismo nell’OSA

Washington, 4 giu (Prensa Latina) Il ministro degli Esteri venezuelano, Jorge Arreaza, ha denunciato che gli Stati Uniti aggradiscono il multilateralismo dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) ed ha respinto l’inclusione di una tema sul proprio paese nell’Assemblea Generale dell’organizzazione.

La nostra nazione considera che il punto 23, sulla situazione del Venezuela, non è stato approvato mediante la corretta procedura e nemmeno concordiamo sulla sua inclusione, ha dichiarato il ministro venezuelano all’apertura del 48° Periodo Ordinario delle Sessioni.
Dalla sede dell’OSA, a Washington DC, Arreaza ha denunciato che lo scopo è di convertire il Venezuela come tema centrale della riunione.
Questo è un organismo multilaterale, sebbene abbia le sue caratteristiche e sia stato molto dominato dall’unilateralismo, in questo momento il multilateralismo è aggradito permanentemente dal Governo degli Stati Uniti, ha aggiunto il ministro.
Stando a quanto dichiarato dal titolare degli Esteri, la protesta di Caracas non è in opposizione al tema ma specificatamente contro un paragrafo che è stato introdotto in modo non corretto, senza informare lo stato interessato e senza l’approvazione di questo.
Il Venezuela lascerà l’OSA, ha dichiarato il ministro, ricordando la decisione annunciata già nel 2017 ma che saràposta in esseresolo nel 2019.
In tal senso, ha segnalato che il Venezuela interviene nell’Assemblea Generale – che terminerà domani i propri lavori -per rispetto ai doveri previsti dalla carta dell’organizzazione, ed in particolare all’obbligo di partecipazione fino al prossimo aprile.
Il ministro ha spiegato, inoltre, che il paragrafo sul Venezuela è stato aggiunto in modo improprio nella riunione preparatoria dell’Assemblea, sottolineando le obiezioni e le proteste di Caracas contro il punto.
Le dichiarazioni di Arreanza fanno seguito a quelle del vicepresidente statunitense Mike Pense, che questa notte farà un appello a tutti i membri dell’OSA per sospendere il Venezuela dall’organizzazione. 
Tale posizione è consequenziale con quella dell’amministrazione di Donald Trump e dello stesso Pence, incaricato di rappresentare, lo scorso aprile, gli USA in occasione del Vertice delle Americhe, svoltosi a Lima, Peru.
Durante l’incontro, il vicepresidente degli USA si era rallegrato per le numerose restrizioni approvate da Washington contro una cinquantina di funzionari venezuelani, tra cui il presidente Nicolas Maduro.
Gli Stati Uniti sono pronti per fare molto di più – aveva detto allora Pence – saremo grati a quei governi che si sforzeranno per isolare Caracas, attraverso misure diplomatiche ed economiche.

mb/mar

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE