lunedì 15 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Gli USA aumentano le pressioni sul Nicaragua

Managua, 29 giu (Prensa Latina) Il governo degli Stati Uniti rafforza le pressioni sul Nicaragua, annunciando nuove restrizioni ai visti per funzionari e altre persone che sarebbero coinvolte in atti di repressione e violazioni dei diritti umani.

La misura, com’è stato reso noto, colpisce funzionari della Polizia Nazionale, dei governi municipali e un dirigente del Ministero della Salute.

Il giornalista statunitenseMaxBlumenthal, in un servizio,però, ha denunciato che la crisi in Nicaragua non è dovutaad un’esplosione sociale spontanea, come hanno voluto far credere alcuni media, ma è causata da una strategia ben progettata di Washington.

Per Blumenthal, l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e la Fondazionale Nazionale per la Democrazia (NED) sono iresponsabili dell’instabilità in Nicaragua.

I due enti, dediti – in base alle denunce –ad interferirenei paesi non sono allineati con le politiche espansionistiche di Washington, hanno fornito assistenza e fondi ai movimenti nella nazione centroamericana per rovesciare il governo sandinista, spiegaBlumenthal.

D’altra parte, il ministro degli Esteri del Nicaragua, Denis Moncada, ha ribadito che l’amministrazione guidata da Daniel Ortega è un governo costituzionale legittimamente eletto e ha confermato l’esistenza di gruppi e movimenti che cercano di sostituirsi illegalmenteallo Stato.

Durante una sessione della Commissione di Verifica e Sicurezza del dialogo nazionale, tra il governo e i settori di opposizione, Moncada ha sottolineatoche per poter conversare sono necessarie condizioni basilari di pace e sicurezza.

“La nostra posizione è stata chiara, vogliamo dialogare in buona fede e ristabilire la pace, il rispetto alla vita ealla libera circolazione. Fatto ciò possiamo ascoltare le richieste di democratizzazione dell’opposizione” ha detto.

Il ministro degli Esteri ha poi affermato che è impossibile dialogare in un contesto di violenza, insicurezza e criminalità e che il governo è obbligato a mantenere l’ordine pubblico, in conformità con la Costituzione e la legge.

Il Nicaragua, da oltre due mesi, attraversa una severa crisi socio-politica, scoppiata nel mezzo delle proteste contro la riforma della previdenza sociale, in seguito abrogata, senza però fermare le manifestazioni, a cui si sono aggiunte altre richieste politiche.

Stando alle denunce, tali riforme sono servite da pretesto per lanciare un piano diretto dall’estero con l’obiettivo di destabilizzare la nazione e provocare il rovesciamento del governo sandinista.

mb/acl

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE