lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Lula conferma che sarà candidato alla presidenza per recuperare la sovranità

Brasilia, 10 luglio (Prensa Latina) L'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha affermato oggi che sarà candidato alle elezioni di ottobre anche per recuperare la sovranità del popolo brasiliano.

In una nota diffusa dal sito del Partito dei Lavoratori (PT), Lula ha criticato che parte del patrimonio pubblico, costruito dal popolo dalla metà del XX secolo, “vienesvenduto irresponsabilmente, al prezzo di una banana, per coprire l’illegittimità di un golpista”, Michel Temer.

Così, ha detto, si rinuncia alla sovranità di cui un paese ha bisogno e si consolida il complesso di sottomissione che l’élite brasiliana ha sempre avuto nei confronti degli Stati Uniti.

Nella conferenza stampa di ieri a San Paolo, la presidentessa nazionale del PT, la senatrice GleisiHoffmann, ha confermato che la candidatura di Lula sarà registrata presso il Tribunale Superiore Elettorale il 15 agosto, quando scade il termine che l’ex presidente ha dato ai suoi accusatori per presentare almeno una prova della sua colpevolezza.

La Hoffmannha annunciato, inoltre, che il 13 luglio si svolgerà in tutto il paese una giornata nazionale di lotta per il Brasile, il suo popolo e per “Lula libero innocente e presidente”.

Per l’occasione, sarà resa nota la proposta di13 punti elaborata dal Partito dei Lavoratori per traghettare il Brasile fuori dalla crisi che lo sta devastando.

Con i suoi quasi 40 anni di storia, il PT non rinuncerà alla candidatura di Lula, ha ribadito la senatrice, sottolineando che tutte le manovre legali per evitare la libertà sono l’unico modo per gli agenti del golpe contro il presidente costituzionale DilmaRusseffdi rimanere al potere.

Il colpo di stato del 2016 è stato promosso dal sistema finanziario di questo paese, da gran parte della magistratura, dai media e dalla destra brasiliana che, in quell’occasione, hanno visto la possibilità d’instaurare un governo senza voti e intraprendere riforme per limitare i diritti dei lavoratori, ha concluso.

mb/mpm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE