lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Moshen Bilal: la Siria è determinata a combattere il terrorismo

L'Avana, 25 lug (Prensa Latina) La Siria è determinata a combattere il terrorismo e difendere la propria sovranità, ha detto il membro del Comando Regionale del Partito Baath Arabo Socialista, Mohsen Bilal, in un'intervista rilasciata all'agenzia di stampa russa Sputnik.

 “Nonostante la resistenza del suo popolo sia sconosciuta a molte persone in tutto il mondo, è caratterizzata dalla forza dell’esercito nazionale e della gioventù, e la leadership politica sicura del partito Baath, con il presidente Bashar al-Assad al fronte”, ha dichiarato il politico siriano.

Bilal ha sottolineato che la decisione di resistere e difendere eroicamente la sovranità nazionale è stata fondamentale in questi anni di guerra, perché – ha precisato- “viviamo in una Siria unita e rivoluzionaria, resistente contro l’aggressione nella regione araba, dove, casualmente, c’è il 90% del petrolio mondiale prodotto nel deserto arabo”.

Mohsen Bilal ha detto che il suo paese affronta, da quasi otto anni, l’aggressione orchestrata dai governi di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e altri paesi occidentali, con il sostegno finanziario di Arabia Saudita e Qatar e il supporto logistico della Turchia, che ha permesso il transito dei terroristi provenienti da varie parti del mondo verso la Siria.

“Ma tutti questi tentativi sono stati affrontati dai rivoluzionari siriani, con l’appoggio delle forze progressiste del mondo, compresi paesi fraterni come Cuba, Brasile, Venezuela, e in particolare con l’enorme sostegno della Russia, insieme con i nostri fratelli dell’Iran, i nostri alleati della milizia libanese Hezbollah, ci uniamo tutti per contrastare questa forza terroristica, piena di odio contro il nostro popolo”, ha sottolineatoBilal a Sputnik.

Il 19 luglio, a Bilal è stata conferita la Medaglia dell’Amicizia, concessa dal Consiglio di Stato di Cuba, in riconoscimento della solidarietà permanente con il popolo cubano per più di 40 anni.

“Ho l’onore di venire alla terra sacra di Cuba per ricevere un’onorificenza, insieme a tutti coloro che hanno combattuto per il popolo cubano, che rappresenta l’avanguardia permanente, continua, affinché la fiamma della libertà e il socialismo non smettano di brillare”, ha dichiarato dopo aver ricevuto la medaglia presso la sede dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli.

mb/mfm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE