venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Haiti, lo sciopero nell’ospedale di Mirebalais paralizza il sistema sanitario

Port au Prince, 8 ago (Prensa Latina) Per il terzo giorno consecutivo, l'Ospedale Universitario di Mirebalais, nel centro del paese, è paralizzato dallo sciopero dei dipendenti, che chiedono aumenti degli stipendi fino al 51%.

Secondo Radio Metropole 2000, continuano in sciopero i lavoratori dei servizi di sterilizzazione, archivi, assistenza sanitaria e infermeria, così come non funziona l’accesso al centro medico, considerato uno dei più grandi del paese.

Il nosocomio, che offre servizi ospedalieri pubblici e privati, è amministrato dall’organizzazione ZanmiLasante, i cui dipendenti sono entrati in sciopero, chiedendo alle autorità di mantenere le promesse di adeguamento salariale, che dovevano entrare in vigore dallo scorso luglio.

Da diversi mesi i dirigenti dell’ospedale hanno promesso un adeguamento salariale, ha detto uno dei medici durante la protesta, aggiungendo che non hanno mantenuto la promessa.

Secondo il quotidiano Le Nouvelliste, la direzione ha promesso un aumento dei salari, tuttavia, la decisione sarà effettiva dal prossimo ottobre, in coincidenza con l’inizio dell’anno fiscale.

Lo sciopero colpisce anche la clinica ambulatoriale, mentre la sala operatoria e i servizi più urgenti continuano a funzionare.

Alcuni dei manifestanti sono retribuiti direttamente dalla ZanmiLasante, mentre ai dipendenti statali l’organizzazione riconosce un’integrazione, equiparandoli agli altri lavoratori.

Questa è la seconda crisi nel 2018 del sistema sanitario pubblico, Lo scorso maggio, il personale amministrativo e di sostegno dell’Ospedale Universitario Statale di Haiti, era entrato in sciopero per chiedere alle autorità la firma delle assunzioni e il pagamento degli stipendi arretrati da oltre sei mesi.

Nel 2016,il sistema sanitario haitiano ha attraversato una delle più grandi proteste, con la paralisi di diversi ospedali pubblici, una situazione che rimane indefinita fino ad oggi, perché le principali richieste non hanno avuto ancora risposte.

mb/ane

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE