venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Maduro presenta le prove del tentato omicidio

Caracas, 8 ago (Prensa Latina) Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha presentato, nella serata di ieri, le prove del fallito attentato contro gli alti comandi politico-militari venezuelani, del 4 agosto scorso.

Dal Salone Ayacucho del Palazzo Miraflores (sede dell’Esecutivo), Maduro ha mostrato alcune registrazioni audio e video fornite dagli organi di sicurezza, sulle indagini svolte finora.

“I video evidenziano che sono state contrattate 11 persone per portare a termine le operazioni criminali”, ha detto il presidente.

Il pubblico ministero ha autorizzato la diffusione della deposizione del sergente in congedo Juan Carlos Monasterios, che, dopo essere stato catturato, ha accusato i leader dell’opposizione venezuelana Julio Borges e Juan Requesens di essere gli autori intellettuali dell’attentato. Requesens è già stato arrestato.

Maduro, inoltre, ha accusato il colonnello in congedo Oswaldo Valentin Garcia Paolomo di essere legato agli atti terroristici contro governo bolivariano, incriminandolo di tradimento e incitamento alla ribellione.

“Questo è il capo degli assassini che cerca di captare militari per i suoi piani di omicidi, pubblicate i materiali e le immagini su tutti i social per affinché venga catturato rapidamente”, ha ordinato il presidente.

Maduroha chiesto anche l’estradizione di Osman Alexis DelgadoTabosky, capo politico e finanziario del fallito attentato, e degli artificieri Gregorio José YaguasMonje e Yilber Alberto EscalonaTorrealba.

Il presidente ha mostrato un video che conferma che Rayder Russo e OsmanDelgado, residenti rispettivamente in Colombia e negli Stati Uniti, sono stati i pianificatori dell’attentato.

Ha spiegato che sarà chiesta dell’estradizione dei responsabili “che hanno finanziato, diretto e realizzato quest’attacco terroristico “, assicurando, inoltre, che tra gli implicati c’è anche  Mauricio Jimenez Pinzon, ufficiale della polizia d’immigrazione colombiana.

Maduro ha spiegato che i primi arresti sono stati possibili grazie al coraggio dei residenti nelle zone limitrofe all’avenida Bolivar, che, vedendo i criminali attivare i droni, hanno avvertito le autorità.

La Costituzione ha trionfato sul terrorismo e ora deve vincere la giustizia: tutti saranno detenuti “siano o meno in Venezuela”, ha sottolineato Maduro.

“Sabato scorso sono sopravvissuto a un tentativo di omicidio e se sono qui è perché la mia vita appartiene ai venezuelani, a questo paese; Darò tutto per la patria, chiedo solo la pace e l’unione civico-militare. La verità continuerà ad emergere”, ha affermato.

Maduro ha anticipato che, nei prossimi giorni, continuerà la diffusione dei dettagli sui partecipanti, sul finanziamento, su come e dove si sono addestrati e quali gruppi politici sono coinvolti.

mb/odf

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE