giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Iran, Russia e Turchia accordano l’appoggio all’integrità della Siria

Teheran, 7 set (Prensa Latina) Iran, Russia e Turchia hanno deciso oggi di continuare il loro appoggio a Siria, affinché possa conservare la sua sovranità, indipendenza, unità ed integrità territoriale, dopo un incontro trilaterale in questa capitale.  

 
In una Dichiarazione Finale Congiunta, Teheran, Mosca ed Ankara hanno confermato il loro impegno coi principi espressi nella risoluzione 2253 sul paese arabo del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. 
 
I presidenti dell’Iran, Hassan Rohani; Russia, Vladimir Putin; e Turchia, Recep Tayyip Erdogan, hanno detto di essere soddisfatti col processo di pace in Siria, accordato nelle conversazioni di Astanà, in Kazakistan, per ridurre le violazioni e contribuire alla pace, alla sicurezza ed alla stabilità. 
 
La dichiarazione congiunta respinge i tentativi per tergiversare la realtà con il pretesto di lottare contro il terrorismo ed assicura che affronteranno le intenzioni di dividere Siria e minacciare così la sicurezza nazionale dei paesi vicini. 
 
Abborda anche la situazione della regione del nordovest dove si trova Idlib, a partire dai preparativi dell’Esercito siriano di riprendere questo ultimo nascondiglio dei terroristi nella nazione levantina. 
 
In ogni caso, segnala il testo, la riconquista di Idlib deve essere svolta secondo i principi elaborati ad Astanà. 
 
I tre presidenti hanno sottolineato che, nella guerra contro il terrorismo, sarà chiave distinguere tra i radicali e gli oppositori armati che hanno rispettato o rispetteranno il regime del cessate il fuoco. 
 
Allo stesso modo, sottolinea ferventemente che il conflitto siriano può avere solo una soluzione mediante un processo politico, mai militare. 
 
Un altro punto della dichiarazione si riferisce all’appoggio totale agli sforzi per il ritorno dei rifugiati e per tale effetto, sollecita alla comunità internazionale un incremento di donazioni per ristrutturare le installazioni sociali, economiche e patrimoniali. 
 
Ig/arc

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE