domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Assassinio di Romero è ancora impune ad un mese dalla sua canonizzazione

San Salvador, 19 set (Prensa Latina) L'imminente canonizzazione di Oscar Arnulfo Romero ricorda oggi che il suo assassinio continua impune, mentre l'estrema destra salvadoregna insiste nel negare il suo protagonismo nell’omicidio. 

 
Il cardinale Gregorio Rosa Chavez, che si è battuto contro il Partito Democratico Cristiano quando ha denunciato il crimine presso gli organismi internazionali, ha considerato vergognoso che non si sia mai investigato ufficialmente l’assassinio. 
 
Ha ricordato che il giudice del caso è scappato dal paese dopo essere stato minacciato, ma anni dopo la Commissione della Verità delle Nazioni Unite ha confermato che Romero è stato assassinato per ordine del fondatore del partito ARENA, Roberto D’Aubuisson. 
 
“Noi abbiamo sostenuto sempre che vogliamo perdonare, ma chiediamo che si conosca la verità e si faccia giustizia”, ha enfatizzato il prelato, che ha anticipato che il tema sarà abbordato in una prossima conferenza episcopale. 
 
In realtà, la celebrazione locale della canonizzazione di Romero includerà un appoggio molto esplicito all’organizzazione “Tutela Legale Maria Julia Hernandez” che promuove l’investigazione del crimine ed un giudizio legale dei suoi autori. 
 
Inoltre, presenteranno presso il Tribunale Quarto di Istruzione un sollecito per velocizzare il processo ed emettere un ordine di cattura contro l’ex capitano Alvaro Saravia, unico segnalato dalla Giustizia. 
 
A dispetto dell’abbondante evidenza, il partito ARENA nega la responsabilità del “Mayor D’Aubuisson”, in un tentativo di distanziarsi, che ha provocato, un’onda di indignazione nella società salvadoregna. 
 
Il padre Juan Vicente Chopin, un altro investigatore del caso, ha confermato che l’assassinio del beato è stato ordinato da un’oligarchia che vedeva l’arcivescovo come scomodo, e l’assassinato è stato pianificato ed eseguito da D’Aubuisson e dai suoi sbirri. 
 
“Non possiamo negare espedienti sostenuti dalle investigazioni degli organismi internazionali ed a livello locale, che segnalano D’Aubuisson: questa non è un’opinione, è un fatto scientifico”, ha segnalato l’accademico. 
 
Chopin ha criticato, inoltre, la formula presidenziale di ARENA, Carlos Calleja e Carmen Aida Lazo, che tentano di negare il lascito di Romero per lavare l’immagine del loro partito, che utilizzava ampiamente gli squadroni della morte durante la dittatura militare. 
 
Ig/cmv

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE