mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Eroi cubani dedicano premio Clacso 2018 a Fidel Castro

Buenos Aires, 20 nov (Prensa Latina) Gli eroi e lottatori antiterroristi Ramon Labañino e Gerardo Hernandez sono stati onorati col premio che concede il Consiglio Latinoamericano delle Scienze Sociali (Clacso), che hanno dedicato al più grande dei cubani: Fidel Castro. 

 
In un incontro che si è svolto ieri, segnato dalle emozioni, Gerardo è stato il primo a presentarsi sullo scenario dello stadio Ferro, dove si svolge il I Forum Mondiale del Pensiero Critico dell’ottava conferenza di Clacso, e tra gli applausi ha commemorato il Comandante in Capo dei cubani. 
 
Accompagnato da centinaia di persone che gridavano “Cuba, Cuba, Cuba, il popolo ti saluta”, ha ricordato che ha trascorso 16 anni nelle prigioni degli Stati Uniti, condannato a due ergastoli e 15 anni per lottare contro atti violenti dell’estrema destra anticubana e molti credevano che solo per un miracolo lui ed i suoi quattro fratelli di lotta potessero ritornare in libertà. 
 
“Sì, è stato un miracolo fatto solo con la lotta, l’unità e la resistenza, il caso dei Cinque dimostra che quando i popoli si uniscono possono raggiungere grandi cose”, ha sottolineato l’eroe. 
 
Emozionato, ha dedicato il premio a tutti quelli che hanno appoggiato questa causa con la solidarietà e specialmente, ha detto, “a qualcuno il cui passaggio alla gloria si è prodotto due anni fa, qualcuno che quando più oscura era la notte per noi ha promesso al popolo di Cuba che saremmo tornati e non ha riposato fino a quando non siamo ritornati veramente alla patria: Fidel Castro”. 
 
Ramon Labañino, anche lui grato e commosso per meritare questo riconoscimento in onore anche dei suoi altri tre compagni (Antonio Guerrero, Renè Gonzalez e Fernando Gonzalez), ha affermato che lo riceveva a nome del suo popolo e l’ha dedicato al più grande di tutti i cubani, a Fidel Castro. 
 
“Senza lui non potremmo oggi essere qui, senza Fidel, se l’America Latina non fosse stata lottando per questo sogno e se vi foste arresi, credendo che i sogni erano impossibili”, ha detto. 
 
Ramon ha anche trasmesso un messaggio per continuare la lotta, “non importa quante volte cadiamo, abbiamo il dovere di alzarci tutte le volte per costruire il futuro, bisogna continuare a lottare per un’America Latina unita e questo premio lo accetto come una responsabilità in più. Dobbiamo continuare, dobbiamo essere uniti per vincere”, ha concluso. 
 
Ig/may 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE