lunedì 15 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Lavrov: gli USA insultano l’America Latina con la dottrina Monroe

Mosca, 4 mar (Prensa Latina) Il ritorno degli Stati Uniti all'applicazione della Dottrina Monroe nel caso del Venezuela è un insulto per tutta l'America Latina, ha affermato il ministro russo degli Affari Esteri, Serguei Lavrov. 

 
Dopo che è stata fondata l’ONU nel 1945, il diritto internazionale si dirige per la Carta di questa organizzazione universale, ha considerato Lavrov durante il suo soggiorno a Doha. 
 
La teoria e la pratica dei “cortile posteriore”, in generale, è offensiva. Suppongo che i paesi latinoamericani risponderanno questa arrogante dichiarazione del Consigliere di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Bolton, ha sentenziato il cancelliere russo. 
 
Bolton ha menzionato l’applicabilità della Dottrina Monroe al Venezuela, ma ha insultato tutta l’America Latina, ha denunciato il capo della diplomazia del paese euroasiatico. 
 
Specialmente, quando alcuni giorni fa a Washington, a livello ufficiale, si è lanciata la minaccia che Venezuela non era la fine della storia, perché Cuba e Nicaragua saranno i prossimi della lista, ha sottolineato il ministro. 
 
Lavrov ha segnalato che conosceva bene Bolton. Recentemente, lo statunitense nel suo account di Twitter, ha scritto che il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, mentiva parlando della somministrazione di un lotto di medicine e di materiale medico dalla Russia. 
 
Ignoro da dove ha preso questa informazione, ma da un po’ di tempo somministriamo allo stato ed al popolo del Venezuela, attraverso l’Organizzazione Mondiale della Salute e l’Organizzazione Panamericana della Salute, circa 7,5 tonnellate di medicine, ha messo in chiaro il Cancelliere. 
 
Cosicché nessuno ha ingannato nessuno. Bolton, apparentemente, ha ascoltato da qualcuno un’informazione scorretta ed ha deciso di distribuirla immediatamente a tutto il mondo, ha commentato Lavrov, che si è riunito qui il venerdì con la vicepresidentessa venezuelana, Delcy Rodriguez. 
 
Ci preoccupa quello che gli Stati Uniti pretendono fare con Venezuela, ha indicato il titolare degli Affari Esteri, che ha ricordato che ha parlato due giorni fa su questo tema col segretario statunitense di stato, Michael Pompeo. 
 
Il diplomatico russo ha affermato che ha detto a Pompeo che erano gli Stati Uniti, e non precisamente il governo legittimo venezuelano, chi deve evitare la politica delle minacce o l’uso della forza nel paese sud-americano. 
 
 
Ig/to

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE