mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Lopez Obrador respinge Piano Merida degli USA

Messico, 8 mag (Prensa Latina) Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha difeso il Piano Nazionale di Sviluppo di fronte al Piano Merida con gli Stati Uniti, la cui base per affrontare la migrazione è la violenza e l'attuazione militare. 

 
Nella sua abituale conferenza stampa mattutina il mandatario ha insistito sul fatto che Messico non vuole l’iniziativa Merida del governo anteriore, “vogliamo il nostro piano, che esclude l’aspetto militare, non elicotteri armati, non risorse per un altro tipo di appoggi militari, vogliamo produzione e lavoro, sì ad un piano di sviluppo, questa è la proposta”, ha confermato. 
 
Alla domanda se gli Stati Uniti l’accettavano, Lppez Obrador ha risposto che avanzavano nelle negoziazioni, ed ha ricordato che alcuni mesi fa c’è stata un’offerta della Casa Bianca che avrebbe investito 4000 milioni di dollari in Messico e 5000 milioni in America Centrale per eliminare le cause dell’esodo migratorio. 
 
“Io ho preso nota di questo, questo è quello che vogliamo, è di più di quello che noi stiamo destinando allo sviluppo. Questa è l’uscita alla crisi per la migrazione, la cooperazione per lo sviluppo, non cooperazione militare, non cooperazione per l’uso della forza, dobbiamo creare più impiego ed opportunità piuttosto che comprare aeroplani militari o elicotteri armati, è un’altra cosa, un’altra messa a fuoco e loro lo stanno già capendo”, ha indicato. 
 
“Per quale motivo comprare gli elicotteri se non c’è lavoro?”, si è chiesto, “Per che motivo armi se si lasciano i giovani nelle mani della delinquenza? A noi importa la messa a fuoco dello sviluppo, del lavoro, dell’attenzione ai giovani”, ha riaffermato il governante. 
 
Non ha neanche accettato l’assistenza militare, perché la Guardia Nazionale e l’Esercito hanno le loro forze per creare la formazione idonea. Per il resto è un tema importante controllare che nei compiti di sicurezza pubblica non si violino i diritti umani, e che l’uso della forza sia moderato e controllato. 
 
Ha rivelato che precisamente la riunione di oggi del gabinetto di sicurezza ha trattato i temi migratori, e tra questi il punto più importante è stato l’impulso allo sviluppo ed il piano integrale del sudest messicano e dei paesi centroamericani, ed ha dato la sua parola che lo presenterà ai giornalisti. 
 
Ig/lma 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE