giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Evo Morales impegnato a costruire un paese di uguaglianza e dignità

La Paz, 24 mag (Prensa Latina) Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha confermato l’impegno di costruire un paese dove tutti i boliviani vivano con uguaglianza e dignità, a proposito del Giorno Nazionale Contro il Razzismo ed ogni forma di Discriminazione. 

 
“Siamo contenti degli sviluppi nell’implementazione e nel compimento della normativa al riguardo, e ratifichiamo il nostro impegno di costruire un paese nel quale tutti i boliviani possano vivere con uguaglianza e dignità”, ha scritto Morales nel suo account in Twitter. 
 
La Legge 139 del 14 giugno 2011 ha stabilito ogni 24 maggio come il Giorno Nazionale Contro il Razzismo ed ogni forma di Discriminazione, dovuto alle umiliazioni subite da più di 50 contadini a Sucre nel 2008, obbligati dagli affiliati dell’oppositore “Comité Interinstitucional” a camminare seminudi in mezzo ad aggressioni fisiche e verbali. 
 
Inoltre, definisce la realizzazione di atti pubblici di educazione, prevenzione e sensibilizzazione contro queste manifestazioni da parte di tutte le istituzioni pubbliche e private, e del sistema educativo nazionale. 
 
Su questa norma, il mandatario ha riaffermato la condizione di uguaglianza di tutti i cittadini, a partire dal processo di cambiamento e della Rivoluzione Democratica e Culturale, in marcia nella nazione sud-americana dall’arrivo di Evo Morales al potere. 
 
Secondo organismi regionali, Bolivia è considerata il paese con maggiore popolazione indigena dell’America Latina, con un 62,2%, benché il censimento nazionale del 2012 registrasse un 42% della popolazione che si auto-definiva come originaria, seguita dal Guatemala (41%). 
 
D’accordo con i dati del Censimento della Popolazione e delle Abitazioni del 2012, 16 329 persone si identificavano come afro-boliviani. 
 
Ig/nmr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE