sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ex presidente Correa qualifica come frode le dichiarazioni contro di lui

Quito, 4 set (Prensa Latina) L'ex presidente dell'Ecuador, Rafael Correa (2007-2017), ha qualificato come una frode un processo contro di lui nel quale un’ex funzionaria del suo governo ha dichiarato questo martedì supposte cifre che lo coinvolgono in fatti di corruzione. 

 
“Questa è una delle più orrende frodi processuali della storia del paese. Dov’è il giornalismo onesto? La Chiesa? L’Accademia? L’Assemblea? Grideranno perfino le pietre. Resisteremo e vinceremo!”, ha scritto in Twitter. 
 
L’ex assessora di Correa, Pamela Martinez, ha detto ieri davanti alla Procura Generale ed agli avvocati dei 26 processati nel caso conosciuto come Bustarelle 2012-2016 che ha ricevuto denaro dai dirigenti di Odebrecht ed altri appaltatori dello stato. 
 
Ha consegnato questo denaro ai delegati di alti funzionari del governo di Correa e figure di Alleanza Paese. 
 
Nell’udienza, ha spiegato che si è occupata della digitalizzazione degli apporti fatti per la campagna del 2014 di Alleanza Paese, benché ha messo in chiaro che non ha gestito detti pagamenti. 
 
Nel caso Bustarelle 2012-2016, appaiono insieme all’ex mandatario altre 22 persone, tra queste l’ex vicepresidente Jorge Glas, che compie una condanna dopo un processo giudiziale piagato di irregolarità, secondo innumerevoli denunce pubbliche. 
 
La Procura Generale sta svolgendo un’investigazione relazionata coi delitti di corruzione, associazione illecita e traffico di influenze, nel supposto finanziamento illegale del movimento politico Alleanza Paese, che ha portato al potere Correa, nel periodo 2007-2017. 
 
Ig/otf   

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE