giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Potete ancora andare a Cuba, dice The New York Times agli statunitensi

Washington, 30 set (Prensa Latina) I cittadini statunitensi possono visitare ancora Cuba sotto la categoria di “appoggio al popolo cubano”, già sia in forma indipendente o in un tour accompagnato, ha sottolineato il quotidiano The New York Times. 

 
In un articolo intitolate “Sette cose che devi sapere per viaggiare a Cuba adesso”, il giornale ha ricordato che il Governo di Donald Trump, come parte del bloqueo che mantiene Washington contro l’isola, ha annunciato in giugno nuove regole per gli statunitensi che viaggiano al paese caraibico. 
 
Tali misure includono la proibizione delle crociere verso la maggiore delle Antille e l’eliminazione di una delle 12 categorie sotto le quali si permetteva di visitare il territorio vicino: quella dei viaggi educativi e culturali conosciuti come “popolo a popolo”, ha sottolineato il mezzo. 
 
A dispetto delle nuove restrizioni, il Times ha ricordato che è ancora possibile viaggiare a Cuba mediante la menzionata categoria di appoggio per il popolo, che richiede che gli statunitensi “spendano denaro in negozi privati durante il loro viaggio, qualcosa che sicuramente faranno, perfino senza volerlo”. 
 
Insieme a questa informazione, il testo commenta ai lettori statunitensi altri temi che possono risultare loro utili nella preparazione di un viaggio alla maggiore delle Antille, come il fatto che attraverso un processo semplice possono ottenere nell’aeroporto il visto da turista necessario per entrare all’isola. 
 
Come parte dei molti passi per distruggere l’avvicinamento iniziato tra Cuba e gli Stati Uniti durante l’amministrazione di Barack Obama (2009-2017), il governo di Trump ha pubblicato in novembre del 2017 una lista di entità proibite per gli statunitensi, che è stata già ampliata varie volte. 
 
Per questo motivo il giornale ha fatto notare che esistono hotel dell’isola nella quale gli statunitensi non possono alloggiarsi, “ma Cuba ha un’industria prospera di Airbnb (impresa on-line dedicata all’offerta di alloggi), nella quale il denaro va al proprietario locale, e ciò è permesso”. 
 
Dopo le limitazioni addizionali di giugno, sono stati introdotti progetti bipartitici di legge nella Camera dei Rappresentanti e nel Senato, con l’obiettivo di eliminare queste restrizioni. 
 
Ig/mar

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE