sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Invasori fans di Guaidò abbandonano ambasciata del Venezuela in Brasile

Brasilia, 13 nov (Prensa Latina) Il gruppo di persone, a favore dell'oppositore venezuelano Juan Guaidò, che è entrato oggi con la forza nell'ambasciata del Venezuela in questa capitale, ha abbandonato la sede diplomatica dopo non aver ricevuto l'appoggio atteso. 

 
Nelle reti sociali appaiono video dell’uscita dei seguaci di Guaidò al fondo della missione venezuelana in Brasile, ed alcuni analisti commentano che sono andati via dall’immobile convincendosi che il Governo di Jair Bolsonaro non avrebbe appoggiato l’incursione. 
 
Il portale Brasil 247 indica che la reazione internazionale ha portato l’amministrazione di Bolsonaro a condannare ufficialmente l’invasione. Tale dichiarazione, secondo il sito, ha preso di sorpresa Guaidò, autoproclamato presidente venezuelano. 
 
Secondo il blog del giornalista Guilherme Amado, Guaidò è stato consigliato da interlocutori brasiliani per mantenersi lontano dai simpatizzanti che hanno occupato la sede venezuelana dal principio della mattina di questo mercoledì. 
 
Il Gabinetto di Sicurezza Istituzionale (GSI) della presidenza del Brasile ha ammesso che l’atto è stata un’invasione dell’ambasciata del Venezuela dei fans di Guaidò. 
 
In un comunicato, l’ufficio ha affermato che si vuole approfittare degli avvenimenti per generare disordine ed instabilità ed ha negato che Bolsonaro incoraggiasse l’incursione nell’ambasciata venezuelana. 
 
La nota ufficiale si è diffusa dopo che il deputato Eduardo Bolsonaro, figlio del mandatario, si pronunciasse a favore dell’aggressione ed affermasse che “sembra che si stia facendo un atto corretto, giusto”, perché Brasile aveva riconosciuto Guaidò come presidente interino del Venezuela. 
 
Inoltre, Bolsonaro jr. ha detto a Globo TV che sarebbe andato all’ambasciata per appoggiare i sostenitori di Guaidò. 
 
A dispetto di queste osservazioni, il ministro di Relazioni Estere del Venezuela, Jorge Arreaza, ha denunciato che il Governo di Bolsonaro è responsabile della sicurezza della squadra diplomatica e delle installazioni della sede dell’ambasciata in Brasilia, invasa all’alba del mercoledì da neofascisti. 
 
“Denunciamo che le installazioni della nostra ambasciata in Brasilia sono state invase con la forza alle prime ore della mattina. Responsabilizziamo il Governo del Brasile per la sicurezza del nostro personale e delle installazioni. Esigiamo rispetto secondo la Convenzione di Vienna sulle Relazioni Diplomatiche”, ha scritto Arreaza in Twitter. 
 
Le Nazioni Unite hanno anche sottolineato che tutti i paesi hanno la responsabilità di proteggere le ambasciate straniere nei loro territori. 
 
Ig/ocs 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE